100 alla Sampdoria: due blucerchiati vicini al record

anno
© foto www.imagephotoagency.it

Nessun blucerchiato riuscirà a tagliare il traguardo delle 100 presenze con la maglia della Sampdoria quest’anno: dopo Regini, c’è chi si avvicina al record ma dovrà aspettare il prossimo campionato

Mancano cinque partite al termine di questo campionato che ha visto Vasco Regini tagliare il traguardo delle 100 presenze con la maglia blucerchiata: ma ci sono ancora due giocatori che possono avvicinarsi a questo record, seppur non riusciranno a varcare la soglia della centesima partita con la maglia della Sampdoria e dovranno aspettare il prossimo anno. Essendo la Sampdoria una squadra con tanti nuovi volti, per scoprire quali sono i giocatori che si avvicinano a questo importante traguardo dobbiamo cercare tra i volti dei veterani: quello che più si avvicinerà è ovviamente Fabio Quagliarella, contro il Torino giocherà la sua 93esima partita in blucerchiato e a fine stagione (se dovesse giocarle tutte) toccherà quota 97; segue Matias Silvestre che contro il Torino giocherà la sua 91esima partita con la maglia della Sampdoria, anche nel suo caso per vederlo arrivare a 100 dovremo aspettare il prossimo campionato, quest’anno si fermerà a quota 95. I festeggiamenti per Fabio Quagliarella saranno quindi nella terza giornata del campionato 17/18, mentre per Silvestre alla quinta giornata. Distaccato al terzo posto arriva Emiliano Viviano, con le sue b disputate in difesa della porta blucerchiata, per lui e per Muriel (a quota 82 presenze) bisognerà aspettare ancora un po’ prima di arrivare a cento, posto che il calciomercato non li porti in altri lidi. Per Viviano la centesima partita sarà, se giocherà tutte le restanti gare di questo campionato, la 7.a del prossimo campionato; per Muriel, calciomercato permettendo, la centesima partita sarà la 13.a per 2017/2018.

Condividi
Articolo precedente
sampdoriaOsservatori blucerchiati presenti per Porto-Feirense
Prossimo articolo
castan torinoVerso Torino: Castan, De Silvestri e Mihajlovic, quando lasciare la Samp si rivela un autogol