Allegri: «Montella avrà grande carriera, ma domani dobbiamo vincere noi»

© foto www.imagephotoagency.it

Alla vigilia della complicata sfida con la Juventus, questa mattina ha parlato in conferenza stampa il tecnico dei bianconeri Massimiliano Allegri, che ha presentato il match del “Ferraris”: «Abbiamo davanti due trasferte difficili, complicate, ma diverse per le caratteristiche degli avversari. È un momento importante, perché dopo Genova e Udine, nelle ultime sette partite avremo affrontato cinque trasferte e due gare in casa, quindi chiudere con due ottimi risultati sarebbe importante perché ci permetterebbe di rimanere attaccati al treno di testa e poi avremo giocheremo più in casa che in trasferta».

Se da quattro anni a questa parte la Vecchia Signora non ha trovato ostacoli nel suo cammino verso lo scudetto, questa volta le pretendenti sono tante e il titolo non è così scontato: «Per arrivarci serviranno tante vittorie e pochi pareggi, quindi iniziamo a vincere domani sera e rimanere nel gruppo. A Genova sarà una gara complicata, contro un avversario dotato di buona tecnica. La Samp ha giocato un bellissimo Derby per un’ora e veniva da due buone partite con Palermo e Lazio. Troveremo un ambiente entusiasta, una squadra che ha segnato 27 gol, quattro meno di noi, e ne ha subiti 28. Ha qualità importanti con Eder, Muriel e Soriano. E poi c’è Cassano, che è tornato in buona condizione, detta i tempi di gioco e manda in gol i compagni».

Oltre alle qualità individuali sul campo, non bisogna dimenticare quelle in panchina: «Montella sta confermando quanto di buono già dimostrato a Firenze. È bravo, giovane e potrà arrivare ad allenare grandi squadre e fare una grande carriera».

Grande assente del centrocampo sarà Claudio Marchisio, che salterà la gara di Genova per squalifica, e Allegri dovrà ingegnarsi per trovare una soluzione al problema: «Non ho ancora scelto chi lo sostituirà davanti alla difesa. Giocherà un uomo in grado di ricoprire quel ruolo, altrimenti potrei decidere di schierare la squadra senza mediano. Hernanes ha fatto una grande partita a Manchester, in un momento delicato, ha giocato discretamente bene il Derby piazzato davanti alla difesa e sono sicuro che il suo ruolo anche in futuro sarà quello». Anche il reparto offensivo non sembra al meglio: «Mandzukic potrebbe essere a disposizione, ma visto che finora si è allenato a parte il dubbio è tra Zaza e Morata, che pur non avendo segnato contro il Verona ha giocato un ottima gara e presto tornerà a fare gol».

Obiettivo del mercato blucerchiato per gennaio, Daniele Rugani sembra non potersi muovere da Torino, blindato dal mister e dalla società che, pur non garantendogli per ora molte presenze, credono in lui: «Magari domani sarà della partita. È giovane e bravo, ma non dimentichiamo il valore dei difensori della Juventus. Ci sono Chiellini, Bonucci, Barzagli e Caceres che è rientrato molto bene. È un ottimo giocatore, un bravo ragazzo e meritava la partita di domenica. Credo sia uno dei migliori difensori in circolazione e riaverlo al top sarebbe un acquisto importante».

Condividi
Articolo precedente
Montella in conferenza stampa: «L’intesa fra di noi è aumentata. La Juve concederà qualcosa»
Prossimo articolo
Strinic: «Io alla Samp? Solo speculazioni, resto a Napoli»