Alvarez: «Voglio rimanere qua e ripagare la fiducia della Samp»

© foto www.imagephotoagency.it

Seppur non brillante nelle gare più recenti, Ricky Alvarez è diventato una delle pedine più importanti di questa Sampdoria. Da quando la società ha potuto tesserarlo e farlo scendere in campo, mister Montella non l’ha più levato, e i risultati sono stati eccellenti: corre, dribbla, tira e recupera palla sulla trequarti. Cosa si può chiedere di più da un jolly come lui? 

Proprio l’argentino aveva in agenda questo pomeriggio un incontro ravvicinato con i tifosi, presso il negozio di articoli sportivi Willy Sport, in Via Rimassa a Genova. Fra un autografo e un selfie con i fan, Alvarez ha rilasciato alcune dichiarazioni alla stampa presente a proposito della continuità che ha trovato in maglia blucerchiata: «Sono molto contento di questo. Mi trovo bene qui alla Sampdoria, voglio dare tutto il possibile per ripagare questa fiducia. Dobbiamo lavorare».

Si passa poi a parlare dell’ultima sconfitta rimediata fra le mura del “Ferraris”. Cosa non ha funzionato? «Sapevamo che il Chievo non ci avrebbero dato spazio. Ora però dobbiamo pensare a ciò che è stato fatto di buono nelle gare precedenti».

Buon momento di forma quello di Ricky Maravilla, ma lui sa cosa ci vorrebbe per migliorare ancora: «Sto giocando con continuità, ma posso migliorare ancora tanto. Sicuramente un gol mi farebbe bene per il morale, come a un qualsiasi altro calciatore».

Stasera a Udine si disputerà l’amichevole fra la Nazionale italiana e quella spagnola. Due tipi di calcio completamente differenti a confronto: «Ci sono pensieri diversi. Il calcio italiano è basato prettamente sull’aspetto tattico, mentre quello spagnolo si gioca meglio con il pallone. Comunque entrambi sono belli».

Sul suo futuro e sulla Nazionale argentina da riconquistare: «Prima di tutto, certamente voglio rimanere qua. La Nazionale è sempre un obiettivo per ogni giocatore, la Samp è una squadra importante e sono sicuro che se farò bene qui potrò avere un’opportunità anche nell’albiceleste».

Un’ultima battuta sulla tragica scomparsa di Johan Cruijff, che oggi pomeriggio ha sconvolto il mondo del calcio: «E’ uno di quei giocatori che ha fatto la storia di questo sport. Noi non ci dimenticheremo mai di lui, per noi sarà sempre un riferimento».

Condividi
Articolo precedente
Alla “Dacia Arena” prove generali per Italia-Spagna
Prossimo articolo
Fernando: «Nella Samp c’è qualità, ma dobbiamo fare di più»