Chi è Ante Coric, il gioiellino croato che ha stregato la Sampdoria – VIDEO

© foto www.imagephotoagency.it

Alla scoperta di Ante Coric, il “nuovo Modric” che piace a molti club d’Europa, Sampdoria compresa: base d’asta a 10 milioni, ma un talento cristallino che in blucerchiato potrebbe fare faville

Non è un segreto, ormai, che la linea programmatica della Sampdoria per quanto riguarda il mercato si stia da qualche tempo orientando in due direzioni principali: giocatori giovani e, spesso, provenienti dall’Est europeo. Sono molti i colpi piazzati recentemente da Pecini e dal suo entourage di scouting nella parte più orientale del Vecchio Continente – dove la qualità, anche se allo stato ancora grezzo, in linea generale non ha prezzi esorbitanti -, basti pensare a Skriniar, Schick, Linetty, Bereszynski, Simic. E’ recente invece la voce di un interessamento per il promettente terzino sinistro della Dinamo Zagabria, Borna Sosa: un classe ’98 che farà certamente parlare molto di sé nei prossimi anni, e che la società di Corte Lambruschini sembra aver bloccato grazie ad un’offerta cospicua alla società detentrice del suo cartellino, la Dinamo Zagabria. Società, quella della capitale croata, che detiene i diritti sportivi di un altro promettente giocatore, quell’Ante Coric che è già nel mirino di grandissimi club europei e che è seguito con molta attenzione anche dalla Samp, che potrebbe così provare a piazzare un doppio colpo di ottima qualità. Vediamo allora più da vicino, dopo aver già svelato i segreti di Sosa, chi è il gioiellino della Dinamo.

GIOVANE GIA’ RODATO – Di un anno più grande del compagno di squadra Sosa, Ante Coric – classe ’97 – è un centrocampista di grande qualità, dotato di un baricentro relativamente basso – 1,72 di altezza – che lo rende agile nei movimenti: proprio la velocità palla al piede è una delle doti migliori del centrocampista, il cui ruolo naturale è quello del trequartista, ma che ha spesso giocato anche da ala sinistra. Lo score personale di Coric, in stagione, parla di ben 36 presenze – fra campionato, coppa nazioanle e Champions League – con la Dinamo, condite dalla bellezza di 8 assist e 5 gol. Numeri da capogiro per un ventenne. Giocatore tatticamente intelligente, dopo un minimo di rodaggio e di adattamento al tatticismo del calcio italiano Coric non avrebbe certamente problemi a rispondere positivamente ai dettami di mister Giampaolo, che in questo campionato ha già dimostrato – con Djuricic per esempio – di saper reinventare i giocatori in ruoli diversi.

QUALE RUOLO ALLA SAMP? – In questo caso, posto che la maglia del trequartista possa essere affidata ancora a Bruno Fernandes, Coric sarebbe ottimamente adattabile anche al ruolo di mezz’ala, posizione nella quale, sul modello di Praet, garantirebbe dinamicità e tecnica. Lo scoglio, per la Sampdoria, è certamente rappresentato dal prezzo, già molto alto – si parte da almeno 10 milioni – e dalla concorrenza agguerrita. Per quello che da più parti è stato definito il “nuovo Modric” ci saranno molte squadre economicamente più potenti dei blucerchiati che potrebbero affondare il colpo. Giocare d’anticipo, se mister Giampaolo si convincerà della bontà dell’acquisto – o, soprattutto, dell’effettiva utilità del giocatore, dato che i centrocampisti offensivi in rosa non sono pochi – sarà fondamentale. E chissà che un eventuale arrivo a Genova dell’attuale compagno di squadra Sosa non possa convincere il ragazzo a scegliere la Samp, club nel quale – la vicenda di Schick insegna – potrebbe crescere senza troppa pressione per poi spiccare il volo, qualche anno dopo e magari garantendo una buona plusvalenza alla società, verso altri lidi.

Condividi
Articolo precedente
Ibou Keita balde sampdoriaPrimavera, entusiasmo alle stelle per il Latina: una vittoria che vale molto
Prossimo articolo
sampdoria allenamentoFerrero torna a Bogliasco: un giovanissimo per la seduta a porte chiuse