Area organizzativa e medica: rivoluzione possibile

© foto www.imagephotoagency.it

Vincenzo Montella lo ha detto pure in settimana, lui non ha mai chiesto un repulisti nella dirigenza della Sampdoria e non ha mai imposto Daniele Pradé come direttore sportivo. Con Osti c’è stato un botta e risposta ma da Corte Lambruschini fanno sapere che tutto è morto lì. Però qualcosa nella Sampdoria potrebbe davvero cambiare, a prescindere dalla strada che prenderà Montella, e qualora l’Aeroplanino dovesse restare ecco che il nome di Pradé diventerebbe parecchio caldo per gli ambienti doriani.

Osti rischia il taglio ma non è l’unico in casa Samp. Montella avrebbe incontrato Ferrero per parlare di un futuro alla Sampdoria e, secondo Il Secolo XIX, il tecnico avrebbe consigliato (più che imposto, dunque) qualche cambiamento nell’area organizzativa e in quella medica. La rivoluzione quindi potrebbe esserci in due settori che Montella considera vitali, oltre a Osti quindi anche il capo osservatore Riccardo Pecini rischia di andare via, e pure i medici doriani. Le prossime settimane ci diranno chi avrà ragione.

Condividi
Articolo precedente
Cassano può rimanere ma vuole considerazione
Prossimo articolo
Programmazione, oculatezza, piedi per terra: questa è l’ora