Arsenal, ecco Mustafi: «Un altro passo avanti, qui posso imparare molto»

mustafi
© foto www.imagephotoagency.it

Dopo due stagioni trascorse con la maglia del Valencia, per Shkodran Mustafi è giunto il momento di dire addio e compiere un ulteriore salto in avanti nella propria carriera. Il suo futuro sembrava dover essere ancora in Spagna, almeno finchè sul giocatore non è piombato prepotentemente l’Arsenal

Arsene Wenger l’aveva puntato, e lo stra-potere economico dei gunners ha fatto sì che le sue richieste potessero essere esaudite: l’ex-Sampdoria è già a Londra da ieri, e a breve firmerà il suo nuovo contratto. «Ho parlato con Ozil – ha svelato il centrale ai microfoni di Sky Sport Germany – e mi ha detto tutto ciò che volevo sapere. Mi ha parlato in ottimi termini della società, perciò non ci è voluto molto tempo per convincermi».

Un’operazione dai costi fantascientifici, dato che stiamo parlando di un difensore. 35 milioni di sterline, che in euro sarebbero circa 40, di cui 4 andranno nelle casse della Sampdoria. Gli accordi col Valencia erano questi, il 10% della successiva rivendita sarebbe spettato a Massimo Ferrero. Intanto, Mustafi è già nel mood biancorosso ancor prima della firma: «L’Arsenal è stato sempre rappresentato internazionalmente, e per me era importante salire di un altro gradino. Voglio giocare di nuovo la Champions League, con giocatori da cui posso imparare molto. Le star dell’Arsenal hanno raggiunto grandi obiettivi – ha concluso al sito ufficiale della Football Association – e possono insegnarmi tanto».

Da Genova a Londra in soli due anni, una crescita esponenziale e una professionalità esemplare. Questo è Shkodran Mustafi che, siamo sicuri, prima o poi tornerà a Bogliasco, come già ha fatto, per salutare i suoi vecchi compagni e quei tifosi che lo avevano salutato con il magone, ma con la consapevolezza che un giorno sarebbe diventato un grande calciatore.

Condividi
Articolo precedente
Mesbah risolve con la Samp, poi sarà Latina o Crotone
Prossimo articolo
Viktoria Plzen, ritorno alla vittoria: Hromada titolare contro lo Slavia Praga