Bologna, l’ironia dei tifosi: «Rigore è quando arbitro inventa»

bologna
© foto www.imagephotoagency.it

La protesta dei tifosi rossoblù dopo il discutibile rigore di Sampdoria-Bologna: i felsinei citano Boskov

È proprio un momento no per il Bologna: i rossoblù sono in una striscia di 4 sconfitte consecutive e dopo il pesante ko contro il Napoli, la pazza sconfitta contro il Milan in 11 contro 9 e la rimonta partita da un discutibile rigore concesso alla Samp la scorsa settimana, la tifoseria bolognese nel lunch match di ieri fra Bologna e Inter ha esposto un eloquente striscione per contestare la decisione dell’arbitro Fabbri. La scelta non troppo casuale è ricaduta su una celebre frase di Vujadin Boskov, reinventata per l’occasione: “Rigore è quando arbitro inventa” recitava lo striscione esposto nella Curva Bulgarelli. E anche ieri dal punto di vista dell’arbitraggio non è andata benissimo: ad avere la meglio sono stati i nerazzurri che hanno vinto 1-0 grazie al primo timbro italiano di Gabriel Barbosa e con i felsinei che hanno ancora una volta da recriminare a ragione. Al Bologna manca infatti un calcio di rigore nel finale di partita, l’arbitro non aveva proprio niente da inventarsi in quell’occasione, il fallo dell’ex blucerchiato Éder su Dzemaili era sulla linea dell’area di rigore.

Condividi
Articolo precedente
Garino, Levante Angelo Palombo: «Vicini al 4° compleanno del club dedicato ad Angelo»
Prossimo articolo
goldaniga palermoPalermo, ripresa in vista della Samp: fisioterapia per Goldaniga