Bonazzoli: «A Mazzarri il più grande ringraziamento»

© foto www.imagephotoagency.it

La crescita di un giovane giocatore passa quasi sempre da un buon allenatore. Anche nel caso di Federico Bonazzoli la regola è stata confermata grazie a Walter Mazzarri e Roberto Mancini, sotto la cui supervisione durante l’esperienza all’Inter ha potuto formarsi. 

 

L’attaccante ora in forza al Lanciano, ma di proprietà della Sampdoria, ricorda ancora perfettamente il suo esordio in Serie A, da cui poi è scaturita la sua carriera professionista: «A mister Mazzarri è legato uno dei ricordi più belli della mia ancor breve carriera, ovvero l’esordio in Serie A. E per questo a lui va il mio più grande ringraziamento. Indipendentemente da questo aspetto, il rapporto con lui era splendido. Parliamo di una persona umile e perbene, disponibile con tutti sia dentro che fuori dal campo. E come allenatore, ma non sta certamente a me dirlo, è molto preparato e con le idee ben chiare. Diciamo che – continua Bonazzoli ai microfoni di FcIN Mag – anche in questo caso conservo un bel ricordo: quando sono entrato con la Lazio, Kuzmanovic stava battendo la punizione, invece il mister ha detto che avrei dovuto batterla io. E da quella punizione è nato l’assist per il gol di Palacio, con il successivo abbraccio dei compagni. Mancini è un allenatore che con i ragazzi ci sa fare, ne ha lanciati tanti e credo che per tutti sia stata una figura importante per le rispettive carriere».

Condividi
Articolo precedente
Synot Liga: buon pareggio per il Bohemians
Prossimo articolo
Correa: «Vinciamo il derby per dare una gioia ai tifosi»