Caso Livingston, ora Ferrero rischia il pignoramento dei beni

© foto www.imagephotoagency.it

Ieri Massimo Ferrero, presidente della Sampdoria, ha patteggiato una condanna di un anno e dieci mesi per il crack della Livingston. Ferrero, accusato di bancarotta fraudolenta, dovrà versare ottocentomila euro al Ministero dello Sviluppo Economico come indennizzo e ora si mette di mezzo anche la giustizia sportiva. L’articolo 22 del codice di giustizia sportiva infatti riporta che non possono ricoprire cariche di dirigenti sportivi soggetti condannati a oltre un anno di carcere in via definitiva. Il regolamento adesso prevede che Ferrero stesso debba autodenunciarsi presso la FIGC per dare il via alle pratiche di decadenza.

CAOS – Come scrive La Gazzetta dello Sport, in caso contrario la FIGC potrebbe intervenire tramite i propri tribunali e deferire Ferrero, iniziando così un processo. Siccome le brutte notizie non vengono mai da sole, da poco è uscita la notizia di una richiesta di pignoramento ai danni di Ferrero di Meridie, società quotata in borsa e a cui fa capo l’imprenditore Gianni Lettieri. Meridie reclama un pagamento di quasi tre milioni di euro (2,8 per la precisione) per aver fatto da advisor nell’operazione Livingston. Ferrero non avrebbe mai pagato quella cifra e adesso Lettieri chiede il pignoramento dei beni di Ferrero per ottenere quanto gli spetta: il guaio è che tra i beni di Ferrero c’è anche la Sampdoria.

RICOSTRUZIONE – Nel dettaglio la boutique di Lettieri venne scelta da Ferrero come advisor ma l’imprenditore aveva interessi con Atitech nel trasporto aereo e decise di diventare socio dell’attuale presidente della Samp per la nuova compagnia aerea. L’accordo tra le due parti prevedeva una opzione di put&call (diritto, ma non obbligo, di acquistare e vendere un determinato titolo) che Meridie esercitò quasi subito mentre Ferrero non ha mai pagato il dovuto. La vicenda occupa le aule dei tribunali da anni e Lettieri ottenne il sequestro di metà capitale della Farvem Real Estate di Ferrero e di altre società poi liquidate. Il tribunale ha dato ragione a Meridie ma Ferrero ha fatto ricorso e tutto slitterà al 2017. pr questo, scrive Milano Finanza, ecco la mossa di Meridie di potersi rifare con la Sampdoria.

Condividi
Articolo precedente
“Quando il calcio era poesia”: una mostra su Bernasconi
Prossimo articolo
Settore Giovanile, gli appuntamenti del fine settimana