Caso Olinga: Eto’o chiede sanzioni FIFA per la Sampdoria

© foto www.imagephotoagency.it

Fabrice Esseno Olinga è un giocatore del Mouscron ed è transitato dalla Sampdoria che ancora mantiene sul giocatore un controllo diretto. Olinga è camerunese, gioca come ala e ha vent’anni e qualche stagione fa ha centrato il record di marcatore più giovane nella storia della Liga. Fino a qui tutto bene, ma non ditelo a Samuel Eto’o: l’ex punta della Sampdoria ora è in Turchia all’Antalyaspor ed è infuriato per il trattamento riservato dal Doria a Olinga, prodotto della scuola calcio di Eto’o. L’attaccante infatti ha indetto pure una conferenza stampa per fare chiarezza.

Lunedì prossimo nel primo pomeriggio infatti Eto’o sarà in Italia all’Hotel Melià di Milano per parlare del caso Olinga e per togliersi, a quanto pare, qualche sassolino dalla scarpa. Olinga non è mai stato tesserato dalla Sampdoria perché extracomunitario, e questo non è andato giù a Eto’o, il quale si decurtò lo stipendio appositamente per inserire Olinga nel suo trasferimento a Genova e che adesso pensa che la Samp sia venuta meno agli accordi, come riporta Il Secolo XIX. Tra Eto’o e Sampdoria è guerra aperta, i blucerchiati si dicono dispiaciuti dal non aver potuto tesserare Olinga ma al tempo stesso fanno sapere che gli accordi sono stati tutti rispettati. Eto’o chiede sanzioni FIFA e indagini federali sulla Sampdoria, vedremo come questo caso andrà a finire.

Condividi
Articolo precedente
Muriel sparisce dai radar: la Samp spera nella Copa America
Prossimo articolo
De Canio: la riconferma passa anche da Marassi