Classifica: un punto per eguagliare l’andata, 21 in palio da conquistare

sampdoria-fiorentina esultanza
© foto Valentina Martini

La classifica della Sampdoria recita quota 45 punti: 23 realizzati all’andata, 22 nel girone di ritorno. In palio ancora 21 punti, per continuare a sognare

Il ritmo della Sampdoria è stato da schiacciasassi nel girone di ritorno: 22 punti già conquistati rispetto ai soli 23 del girone di andata. Un miglioramento che significa aver già alzato l’asticella, in quanto mancano ancora sette gare da disputare sul piatto ci sono ancora 21 punti per continuare a sognare. Sette partite da disputare: tre in casa, quattro in trasferta. All’andata queste stesse partite portarono nelle casse blucerchiate otto punti, grazie alla vittoria in rimonta contro il Sassuolo, il pareggio contro il Crotone e l’Udinese nonchè la vittoria casalinga contro il Torino. A prescindere dall’obiettivo ottavo posto, ossia andare a prendere la Fiorentina o chi per essa per riuscire a saltare l’appuntamento anticipato di Coppa Italia, la Sampdoria ha un’altro obiettivo da poter raggiungere, quello di migliorare il risultato conseguito all’andata in queste ultime sette gare oltre che migliorare la sua classifica generale rispetto al girone di andata. Sicuramente ci sono due partite che, considerando il valore degli avversari e quello che queste squadre si stanno giocando, saranno ostiche tanto quanto lo furono all’andata, stiamo parlando della Lazio in lizza per restare agganciata al quarto posto se non fare meglio e il Napoli, in lotta per la seconda posizione con la Roma.

ALZARE l’ASTICELLA E PRENDERE ALTRI PUNTI – Le altre sul cammino dei blucerchiati sono sicuramente più abbordabili e quindi è giusto pensare di andare a vincerle tutte. Sul piatto ci sono 21 punti a disposizione, due gare ostiche di cui abbiamo già parlato e togliendo la gara al Mapei Stadium, dove la Sampdoria inevitabilmente dovrà andare a fare la sua partita e il match ricco d’incognite a Torino, di sono almeno nove punti a disposizione nelle partite con Crotone, Chievo Verona e Udinese (le prime due in casa, la seconda al Friuli). Nessuno regalerà niente, lo sappiamo ma è importante continuare a sognare, a crederci e a sostenere la squadra di Giampaolo, perchè il campionato non è ancora finito. La Sampdoria ci ha abituato anche a imporsi anche contro le “Big” quindi in casa contro il Napoli venderà lei stessa cara la pelle e si recherà all’Olimpico contro la Lazio per cercare di impensierire la squadra di Inzaghi, nessuna partita è mai scritta prima di essere giocata. La speranza è migliorare ancora le prestazioni in campo, la classifica e se possibile magari superare quegli otto punti realizzati nelle ultime sette gare del girone di andata con altre vittorie casalinghe o lontano dal Ferraris.

Condividi
Articolo precedente
TorreiraL’ex Primavera Bregasi: «Colpito da Torreira. Tanti miei compagni avrebbero meritato di più»
Prossimo articolo
PasquaSassuolo-Sampdoria: le designazioni arbitrali per la trasferta