Un colpo per la fascia mancina: alla scoperta di Jordan Amavi – VIDEO

Genoa-Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria, ecco il terzino che potrebbe porre fine al problema della fascia sinistra: profilo e caratteristiche di Jordan Amavi

Uno dei problemi più spinosi che nella stagione da poco terminata ha dovuto affrontare mister Giampaolo è stato certamente quello relativo ai terzini. Se sulla fascia destra l’alternanza Sala-Bereszynski non ha mai fatto dormire sonni tranquilli i tifosi blucerchiati, si può certamente dire lo stesso – anzi, la situazione è anche stata peggiore – per quanto riguarda l’out mancino. Nel ruolo di terzino sinistro si sono infatti alternati ben in tre: Regini, che ha giocato la maggior parte delle partite, Pavlovic e Dodô, senza che nessuno dei tre riuscisse a convincere pienamente allenatore e pubblico riguardo le proprie qualità. In particolare, la stagione del brasiliano è stata a dir poco disastrosa: acquistato dall’Inter con un riscatto obbligato fissato a 5 milioni, il classe ’92 ex Roma è stato clamorosamente bocciato da Giampaolo, tanto che, se dovessero arrivare offerte nel mercato estivo, la Sampdoria si libererà di lui anche mettendo in conto una minusvalenza. Non c’è dunque dubbio che la questione della fascia sinistra rappresenti una delle priorità della Sampdoria in questo calciomercato. Uno dei nomi che orbitano con insistenza attorno al club blucerchiato è, in tal senso, quello di Jordan Amavi, giovane terzino sinistro di proprietà dell’Aston Villa.


LA QUALITA’ SI PAGA – Il francese classe ’94 potrebbe costituire in effetti una soluzione di ottimo livello per quanto riguarda l’annoso problema della fascia mancina. Si tratta di un terzino di grande spinta, veloce palla al piede, che quest’anno ha giocato in Championship con la maglia claret and blue con grande regolarità: le presenze totali sono state infatti 34, a fronte, però, di un solo assist fornito. Bene dunque a livello di confidenza con il manto erboso, migliorabile invece l’incidenza nelle azioni offensive della propria squadra. Amavi è comunque un prospetto che vale la pena tenere d’occhio: ha giocato in tutte le giovanili francesi, dall’U-18 all’U-21 – 10 presenze e un assist con quest’ultima selezione. Il suo acquisto regalerebbe alla Sampdoria un terzino di livello e con ampi margini di miglioramento. Il problema non è certo quello dell’affidabilità del classe ’94, ma quello del prezzo: il costo del cartellino oscilla fra i 10 e gli 11 milioni – quelli pagati dall’Aston Villa al Nizza al momento dell’acquisto – e il ragazzo è blindato da un contratto che lo lega al club di Birmingham fino al 2020. In più, si registra la concorrenza del Napoli, che potrebbe perdere Ghoulam e che ha individuato nel francese un profilo ideale per la sostituzione dell’algerino. Se la Sampdoria dovesse decidere di affondare il colpo – e in questo caso peserebbe anche la volontà del giocatore, deciso a non ripetere l’anno di cadetteria in Inghilterra – si tratterebbe certamente di un esborso economico importante, ma che assicurerebbe un interprete della fascia mancina di prim’ordine, in grado di garantire spinta e copertura e di risolvere finalmente i problemi dei blucerchiati, dopo diversi anni, in quella zona di campo.

Condividi
Articolo precedente
Sampdoria MajerAït Bennasser, ecco chi è il centrocampista che ha stregato la Sampdoria – VIDEO
Prossimo articolo
obiangObiang cuore blucerchiato: «Pensavo di restare a vita alla Sampdoria»