Di nuovo 8 maggio, il Genoa: «Gioia indimenticabile». L’ora della vendetta

© foto www.imagephotoagency.it

Per qualsiasi tifoso blucerchiato il Derby della Lanterna è una partita importante, per ogni tifoso rossoblù la stracittadina è l’unica ragione di vita. E a quanto pare, lo stesso vale per i giocatori che scendono in campo e che vestono la casacca rossoblù. Questo è quello che traspare dalle dichiarazioni di alcuni protagonisti del passato rossoblù, personaggi che hanno probabilmente ottenuto le maggiori soddisfazioni nelle loro carriere segnando un gol alla Sampdoria.

 

Da tifosa blucerchiata, certe affermazioni, non vorrei nemmeno leggerle. E invece vanno lette e dovrebbero essere lette anche dai giocatori che domenica vestiranno la nostra maglia per scendere in campo. Danno la giusta carica per comprendere quanto è alta la posta in gioco.

 

Sarà nuovamente 8 maggio, come nel 2011, la giornata in cui il Genoa ottenne il più grande risultato della sua storia: vincere il derby e mandare la Sampdoria in Serie B. Per loro vale più di uno scudetto, evidentemente. Lo si evince dalle risposte alla domanda quale fu il derby più bello, Preziosi: «Il derby vinto con il gol di Boselli» come riporta il Secolo XIX. E segue Marco Rossi, il portatore di maglie: «Quello in cui ho fatto gol e vinto 3-0. Ma soprattutto il derby di Boselli, quando mandammo la Sampdoria in B». E il protagonista di quella impresa, Boselli, che indica quel gol come il più bello della sua carriera: «Sono convinto che quel derby fosse una partita combattuta. Stento a credere certe cose su un derby (presunta combine n.d.r), una partita così sentita. Dopo quella vittoria ricordo le esultanze nello spogliatoio. Eravamo tutti al settimo cielo. Uno dei gol più belli della mia carriera e che rievoca un momento indimenticabile». Viene da pensare alla carriera di Boselli, se quello fu il suo apice. Questo è per dare la dimensione di quanto debba essere fondamentale scendere in campo e uscirne vittoriosi per vendicare quell’otto maggio 2011.

Condividi
Articolo precedente
Montella vs. Gasperini: undicesimo derby per Gasperini, secondo per Vincenzo
Prossimo articolo
Derby degli ex: Munoz alla ricerca del gol per emulare Antonini