Sampdoria-Roma: tutto quello da sapere sugli avversari

Di Francesco Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

La Roma è storicamente un avversario non semplice: ma che momento sta attraversando? La situazione dei giallorossi

Storicamente la Roma è sempre stato un avversario ostico e non solo per i blucerchiati. La Sampdoria non dovrà sottovalutare neanche per un momento l’organico di Di Francesco perchè, sulla base dei dati, ogni singolo giocatore può essere un potenziale pericolo per la squadra di Giampaolo. Il fattore campo – giocare dentro al Ferraris – è un punto a favore della squadra doriana, il suo pubblico saprà sostenerla e spronarla per tutto l’arco dei novanta minuti di gioco. Le prime due gare non sono state facili per la compagine della capitale: una vittoria di misura alla prima giornata, seguita da una sconfitta contro l’Inter a Milano. Questo recita il ruolino di marcia del nuovo tecnico Di Francesco.

I risultati maturati non devono però ingannare. La Roma resta una squadra solida, con elementi di grande valore. Riguardando la gara disputata contro l’Inter è innegabile sottolineare come le situazioni siano state favorevoli ai nerazzurri, ma per gioco espresso a larghi tratti sia stata meglio la squadra giallorossa. Il possesso palla è una delle caratteristiche principali della squadra dell’ex allenatore del Sassuolo, gli interpreti sul campo come Nainggolan e Strootman facilitano e di molto il fraseggio tra i reparti. Non c’è un singolo che non possa rivelarsi decisivo. Gli unici dubbi che possono sorgere riguardano le scelte che farà il tecnico anche in ottica Atletico Madrid.

Di Francesco, che guida la Roma solo da questa stagione, deve ancora registrare la squadra. Questo potrebbe essere un dato positivo per la Sampdoria, già la Fiorentina è caduta per lo stesso motivo: i blucerchiati hanno un undici rodato da una stagione già disputata assieme e dalla conoscenza di come siano i movimenti che vuole l’allenatore. La Roma ha cambiato qualcosa in sede di mercato, ma soprattutto ha cambiato il tecnico. Sono arrivati Allison, tra i pali, Kolarov sulla fascia, Schick e Defrel in attacco: non ci sarà l’attaccante ceco – almeno da quanto ha detto il tecnico giallorosso – ma gli altri elementi non sono da sottovalutare. Tornando al possibile turnover, è l’impegno in Coppa a preoccupare maggiormente Di Francesco: risparmiare gli uomini o farli giocare anche in ottica di avere una maggiore sicurezza davanti ad un avversario così di livello? Questi i dubbi. Incertezze che una partenza subito forte della Sampdoria potrebbe sfruttare a suo favore, spinta dal suo pubblico, tra le mura di casa.

Condividi
Articolo precedente
Sorensen PrimaveraSorensen sogna in grande: «Punto già alla Primavera»
Prossimo articolo
Ramirez SampdoriaI tifosi impazziscono per Ramirez