Donadoni: «Samp squadra attrezzata, voglio convinzione e cattiveria»

© foto www.imagephotoagency.it

Giornata di vigilia anche per il Bologna, che domani sera alle ore 18.30 ospiterà la Sampdoria nell’anticipo del 5.o turno di campionato. Nella sala stampa di Casteldebole ha parlato il tecnico dei felsinei, Roberto Donadoni: «Le gare contro Napoli e Torino mi hanno deluso non dal punto di vista del risultato dal punto di vista della convinzione, potevamo fare di più. Domani ci servirà gente affamata, con voglia di fare risultato. Destro?  Ieri si è allenato con la squadra, lo valuterò oggi. Domani abbiamo bisogno di lui, di gente che abbia fame di una buona prestazione. So cosa significa non essere al 100%, sono fondamentali le sue sensazioni».

Squalificato Krafth, si apre un ballottaggio sulla fascia destra, una maglia per uno fra Torosidis e Mbaye, ma non solo: «Mbaye si sta allenando bene, è un ragazzo serio, così come Mounier. Voglio da tutti grande competitività, nessuno è sicuro di una maglia da titolare. Maietta? ha recuperato, spero che riesca a trovare continuità dal punto di vista fisico. Nagy o Pulgar in regia? Devo ancora decidere, entrambi hanno le stesse possibilità di giocare. Giocare così tante partite ravvicinate fa sì ci sia bisogno di tutti. La difesa? Abbiamo preso troppi gol, ma i 3 presi a Napoli mi preoccupano sicuramente meno dei 5 di Torino. C’è stato qualche errore individuale ma a livello di reparto abbiamo lavorato bene».

«La Samp
– prosegue Donadoni parlando dei prossimi avversari – è piazzata molto bene ed ha grandi individualità. Dobbiamo rispettare l’avversario e mettere in campo tutte le nostre armi. Ci vogliono qualità morali ed agonistiche importanti. Serve convinzione nei propri mezzi. Le squadre di Giampaolo giocano sempre a calcio, hanno lavorato e hanno una loro identità, dovremo essere bravi a togliere loro questa caratteristica».

 

 

Condividi
Articolo precedente
Mancini: «Bologna mi ha lanciato, la Samp mi ha fatto diventare grande»
Prossimo articolo
delio rossiRossi: «Samp e Bologna allestite in maniera intelligente»