Empoli-Sampdoria 1-1, le pagelle: Moisander e Ranocchia rocce, Quagliarella illude

© foto www.imagephotoagency.it

Viviano 6: Un’uscita sconsiderata nel primo tempo rischia di costare un gol ma Pucciarelli lo grazia. Resto della partita che lo vede attento su ogni situazione, peccato per il gol preso dove può poco sull’ottima palla di Mario Rui.

Cassani 5,5: Pucciarelli lo fa soffrire quando si allarga, Saponara gli taglia sempre dietro, oggi non benissimo, fortunatamente ci sono i due compagni di reparto in serata di grazia. È lui che tiene in gioco Laurini sul gol che nasce da una punizione.

Ranocchia 6,5: Ottima partita del numero 16 che compie diversi interventi decisivi su Pucciarelli, Maccarone, Saponara e Mchelidze. Puntuale, attento, le incertezze delle prime uscite in blucerchiato sono completamente sparite.

Moisander 6,5: Migliore della retroguardia blucerchiata: solo una volta Pucciarelli gli scappa sulla destra, il resto della partita è una serie di scelte difensive e interventi perfetti, anche lui è il gemello buono rispetto a qualche gara fa dove le leggerezze erano dietro l’angolo.

De Silvestri 6: Gara generosa del numero 29 che sulla destra si fa sempre vedere. Giallo forse troppo severo ma nella ripresa ne avrebbe mertitato un altro per un intervento su Saponara non troppo ortodosso. Fabbri lo grazia.

Fernando 6: Prestazione dai due volti per il numero 7, che nel primo tempo alterna un ottimo recupero a un passaggio sbagliato, meglio nella ripresa dove gestisce meglio palla ma continua a fermare le avanzate dei toscani.

Soriano 6: Sempre pronto a proporsi per la ripartenza e a dialogare con Cassano, cerca di non gettare mai via la sfera ma di costruire qualcosa. Spreca però diverse occasioni su ottimi suggerimenti di Quagliarella, gli manca sempre l’attimo di cattiveria per buttarla dentro.

Dodô 6: Brasiliano al rientro sulla corsia mancina dove la spinta è costante anche se non sempre efficacissima. Nella ripresa da una sua palla persa nasce una pericolosa ripartenza che fortunatamente non porta gravi conseguenze.

dal 33’st Lazaros 5,5: Entra e nel giro di due minuti butta due palloni e commette il fallo dal quale nasce il pari dei toscani. Non un grandissimo impatto del greco, che nel finale si assume la responsabilità della punizione che potrebbe dare 3 punti ai doriani. Skorupski para facilmente.

Alvarez 6: Nel primo tempo non un granché, anzi. Nella ripresa invece si accende e prova qualche fuga delle sue, scappando agli avversari. Procura il giallo di Mario Rui e la punizione finale oltre a qualche pallone interessante per Quagliarella.

Cassano 6,5: Partita di grande generosità di Fantantonio che torna spesso a metà campo per dare una mano in un primo tempo di grande sofferenza. Tenta sempre la giocata più difficile ma la difesa empolese legge sempre bene, tranne in occasione del gol di Quagliarella, servito come al solito al bacio.

dal 20’st Correa 5,5: Entra per dare vivacità in avanti ma proprio dal suo ingresso l’Empoli inizia a salire senza concedere campo per le pericolose ripartenze che il Tucu potrebbe sfruttare. Prova una sola conclusione accentrandosi da fuori, ma colpisce malissimo la sfera.

Quagliarella 6,5: Prestazione veramente buona per il numero 27 che trova il terzo gol in cinque partite in blucerchiato, con una bellissima girata. Il resto della gara è fatta di sacrificio, pressing e recuperi, veramente da attaccante totale. 

dal 45’st Barreto sv: 4′ in cui non si vede mai.

Montella 6: Nel primo tempo la squadra soffre abbastanza ma si trova in vantaggio. Nella ripresa tiene invece bene ma nel finale, quando dovrebbe magari buttare dentro qualche contropiedista per provare a chiuderla, si copre con Lazaros e puntualmente arriva il pari. Terzo risultato utile per il Doria. 

Gli avversari: Skorupski 6; Laurini 6,5, Costa 5,5, Ariaudo 5,5, Mario Rui 6,5; Croce 6,5, Zielinski 6, Paredes 6; Saponara 6, Maccarone 5,5, Pucciarelli 6, Bittante 6, Mchelidze 6, Livaja sv. 

Condividi
Articolo precedente
Montella: «Abbiamo sofferto a tratti, ma bastava poco per portarla a casa»
Prossimo articolo
Ferrero: «È stata una bella partita. Montella è il numero uno»