Federclubs, il comunicato sul confronto con la società

© foto www.imagephotoagency.it

Il messaggio proveniente dall’ultima assemblea indetta è arrivato chiaramente nelle sedi della Sampdoria. In questi giorni, infatti, c’è stato il tanto desiderato e atteso confronto tra la società blucerchiata e i suoi tifosi, che da tempo invocano a gran voce il rispetto nei riguardi della memoria storica.

 

Poche e semplici richieste, come si evince dal comunicato apparso sul sito della Federclubs, subito ascoltate: «Con il presente comunicato intendiamo aggiornarvi sulle iniziative intraprese per mettere in atto quanto deciso durante l’assemblea del 23 maggio presso la Sala Chiamata del Porto. In quella sede ci siamo impegnati a chiedere un incontro con la società Unione Calcio Sampdoria per riportare, con precisione e di persona, le legittime richieste della tifoseria Sampdoriana. Richieste che non riguardano aspetti economici o tecnici ma argomenti per noi fondamentali e indispensabili: il rispetto per la storia, i colori, la tifoseria e le tradizioni della Sampdoria. Il confronto si è svolto nei giorni scorsi; abbiamo ribadito a chiare lettere che pretendiamo da subito e da tutta la società la serietà, l’impegno e il rispetto che meritano i nostri colori».

 

«Richiediamo semplicemente comportamenti compatibili con i propri ruoli (a cominciare dalla dirigenza fino all’ultima delle riserve). Basta giocatori che disonorano la maglia, basta uscite infelici sulle nostre tradizioni, più rispetto per i nostri colori. Il messaggio è stato consegnato a chi di dovere, spiegato nei dettagli e ampiamente recepito. Abbiamo anche toccato il tasto della stampa cittadina, ricordando che la nostra linea non è mai stata minimamente condizionata da chi è da tempo annoverato tra i nemici della Sampdoria. Saremo, come sempre, attenti nel verificare nei fatti le buone intenzioni ripromesse: saremo, come sempre, A GUARDIA DI UNA FEDE».

 

 
Condividi
Articolo precedente
Gruppo Val Trebbia, il 2 luglio la festa
Prossimo articolo
Tutti vogliono Muriel: il Portogallo sogna