Ferrari vale oro: può diventare il più caro dell’era Ferrero

Ferrari crotone sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Ferrari, la riconferma in squadra potrà valere un record: il difensore potrebbe diventare l’acquisto più costoso dell’era Ferrero

La lunga ricerca di un difensore centrale, per la Sampdoria, è finalmente terminata: grazie all’accordo trovato con il Sassuolo ieri mattina, Gian Marco Ferrari vestirà il blucerchiato. Il centrale ex Crotone ha sostenuto nel pomeriggio al Laboratorio Albaro le visite mediche, e sarà a disposizione di mister Giampaolo per la partita di sabato contro lo Swansea. Operazione molto onerosa per la Sampdoria, che pagherà 1,5 milioni di prestito oneroso ai neroverdi, con un diritto di riscatto di ben 13,5 milioni, per una valutazione totale di 15 milioni. Una cifra certamente importante per un difensore – con il club emiliano che si è riservato un diritto di recompra fissato a circa 16 milioni -, che se dovesse essere versata dai blucerchiati agli emiliani il prossimo anno, renderebbe Ferrari l’acquisto più caro dell’era Ferrero. Sì, perché il presidente della Sampdoria ha speso molto in questi anni, comprando non solo fenomeni sconosciuti al grande pubblico – grazie all’occhio sempre vigile di Riccardo Pecini – come Schick, Linetty, Torreira e Skriniar, ma anche giocatori già affermati in Italia e all’estero, piazzando colpi anche da doppia cifra.

Si pensi a Muriel, fino ad oggi l’acquisto più costoso della Sampdoria targata Ferrero: per portare il colombiano a Genova i blucerchiati pagarono 12 milioni all’Udinese dopo una trattativa-fiume. Altro colpo degno di nota fu l’acquisto, lo scorso anno, di Dennis Praet, per il quale l’Anderlecht ricevette un bonifico di circa 10 milioni. Un altro colpo importante sarà rappresentato da Gaston Ramirez, che costerà alla società di Corte Lambruschini 9 milioni più 2 di bonus. Bruno Fernandes, invece, fu pagato lo scorso anno “solo” 7 milioni totali, fra prestito da 1 milione e riscatto obbligato a 6. Un caso a parte è rappresentato da Gianluca Caprari, la cui valutazione nell’ambito dell’affare Skriniar – 12 milioni – è stata particolarmente gonfiata dal club nerazzurro per questioni inerenti al Financial Fair Play. Se Ferrari farà bene sul campo, tanto da meritarsi la conferma in squadra, diventerà il giocatore più pagato nel periodo di presidenza di Massimo Ferrero: una bella responsabilità, ma anche un grande onore. Starà comunque al difensore far sì che ciò possa accadere – Sassuolo permettendo -, perché la sua permanenza – e il piccolo record che potrebbe battere – dipenderanno dalle sue prestazioni sul campo.

Condividi
Articolo precedente
yerry minaSampdoria insaziabile: maxi-offerta per Yerry Mina, superato il Barcellona
Prossimo articolo
Ferrari SampdoriaFerrari si presenta: «Ho fatto di tutto per venire alla Sampdoria». È ufficiale