FootballData: le curiosità di Empoli-Samp

© foto www.imagephotoagency.it

Domani allo stadio “Castellani” andrà in scena alle ore 18 il match fra Empoli e Sampdoria. Punto di svolta per entrambe le parti: in caso di vittoria interna, l’Empoli ritroverebbe quei tre punti che mancano da due mesi e schizzerebbe a quota 37, staccando definitivamente la zona calda per poter puntare a qualcosa di più. I blucerchiati, invece, sono alla ricerca della terza vittoria di fila, che infonderebbe la fiducia giusta nei giocatori per intraprendere un finale di campionato entusiasmante, ma soprattutto eviterebbe quasi definitivamente una possibile retrocessione.

Proprio riguardo a questo match, l’agenzia di statistiche FootballData ha pubblicato alcune curiosità: 

CRISI NERA – Non vede la luce in fondo al tunnel, l’Empoli, che in questo 2016 ha collezionato ben 5 sconfitte e solo 4 pareggi, vincendo per l’ultima volta contro il Torino di Ventura. Se considerassimo solo i punti ottenuti nell’anno nuovo, la squadra di Giampaolo sarebbe ultima.

MALE IN CASA – In questo 2016 gli azzurri non hanno mai vinto fra le mura casalinghe, l’ultima volta fu contro il Carpi a dicembre. Davanti al proprio pubblico, finora, 2 pareggi e 3 sconfitte.

PANCHINE PIGRE – Le due squadre che scenderanno in campo domani detengono un primato non esattamente positivo: insieme ad Atalanta ed Hellas, sono le uniche formazioni ad aver realizzato un solo gol con giocatori subentrati a partita in corso. Per la Samp, Ervin Zukanovic durante la partita casalinga contro il Sassuolo (1-3).

TALLONE D’ACHILLE – Empoli e Samp si sono rivelate piuttosto distratte dopo l’intervallo: infatti, tra il 46′ e il 60′, sono ben 12 i gol presi dagli azzurri, 10 per i blucerchiati.

PORTA CHIUSA – Nonostante detenga la terza difesa più bucata della Serie A, con 46 gol al passivo, la Sampdoria non subisce gol da 197′, grazie alle ultime due gare con Frosinone e Verona. Negli ultimi quattro match, i blucerchiati non hanno incassato reti per ben tre volte, lasciando a Icardi l’onore di aver trafitto Viviano per l’ultima volta (al 73′ di Inter-Samp). 

Condividi
Articolo precedente
I due ex Salamon e Wszolek convocati dalla Nazionale polacca
Prossimo articolo
Lega Serie A, due variazioni di calendario per la Samp