FootGolf in ricordo di Boskov, gli ex blucerchiati: «Alla Samp serve più qualità»

© foto www.imagephotoagency.it

Ieri, nella meravigliosa cornice del levante ligure, sui bellissimi campo del Golf Club di Rapallo, si è disputato il 1°Memorial Vujadin Boskov – Azimut Global Advisory FootGolf Challenge, ideato da Marco Lanna con finalità benefica in favore del Gaslini. Era presente anche la figlia di Vuja, Aleksandra che sulle pagine del Secolo XIX afferma come sarebbe piaciuto a suo padre partecipare e vincere, magari anche “barando”, in questo nuovo e divertentissimo sport.
Infatti il FootGolf è una disciplina nuova che ha preso facilmente piede in molti ex giocatori rossoblucerchiati e ieri i partecipanti erano tanti: Lanna, organizzatore, Mannini, Pari, Dossena, Vierchowod, Pagliuca, Bonetti, Enrico Mantovani, Ciccio Pedone. Per quanto riguarda il Genoa: Nappi, Bortolazzi, Panucci. E poi altri ex Massaro, Binotto, Margiotta.

Prima di iniziare con il torneo qualche commento da parte di tutti sulla Sampdoria, qualche ricordo del maestro Boskov, dello spirito di gruppo della squadra che vinse lo scudetto e poi si vira sulla Sampdoria del futuro con i consigli spediti direttamente a Montella. Mannini è certo serva rifare la difesa da zero, Vierchowod punta sulla mancanza di un regista e di qualità. Pagliuca invece sostiene Viviano e sottolinea che con risorse economiche limitate vanno fatte scelte oculate e intelligenti.  Lanna punta sulla voglia di riscatto di Montella, dopo un campionato brutto deve per forza arrivare quello della rivincita.

Poi si entra nel vivo della gara dove nessuno si risparmia: il trofeo lo alzerà Bortolazzi. La buca dedicata a Boskov invece la vince Marco Gori, ex viola. Margiotta si assicura il premio per il tiro più lungo, in una giornata di festa tutta dedicata a zio Vuja.

Condividi
Articolo precedente
Rientra Regini, piace Goldaniga per la difesa
Prossimo articolo
Viviani, Samp e Cagliari ci provano