Foschi (ds Cesena): «Vincerà il Genoa, la vedo bene»

© foto www.imagephotoagency.it

Mancano ormai meno di due giorni al tanto atteso Derby fra Sampdoria e Genoa, in programma per domenica alle 15. Il “Ferraris” è pronto a trasformarsi in una bolgia rossoblucerchiata, con due tra le tifoserie più “calde” d’Italia.

A proposito della stracittadina ha parlato anche l’ex Ds del Genoa Rino Foschi, ora al Cesena: «Il Derby della Lanterna è sempre uno dei più belli d’Italia, quindi indipendetemente dalla classifica o dal campionato rimane sempre bellissimo e sentito da entrambe le parti. Sarà un Derby infuocato e molto bello».

Un breve periodo a Genova da luglio a settembre 2008, per poi essere richiamato a ricoprire la carica nella stagione 2012/2013. Per Foschi, quindi, non ci sono dubbi sulla fede: «Io sono rossoblu, ho lavorato lì per due anni, sapete quali sono i miei rapporti con la società. Sono tornato per due volte là, quindi potete immaginare…».

Sugli ingredienti giusti per vincere un Derby: «Mah, non ci vogliono cose particolari. Si vince con la concentrazione e l’attenzione, e mettendoci più voglia dell’avversario. Mi ricordo che quando c’era il Derby venivano i tifosi il giovedì, aprivamo le porte. Come sapete, il pubblico di Genova la dice lunga, sempre con la massima correttezza, sia ben chiaro».

Foschi non punta tanto sui vari bomber rossoblu per sbloccare la partita, ma quanto sulla forza del gruppo e sull’esperienza di mister Gasperini: «Armi in più? In primis l’allenatore, che conosce l’avversario ed è da tanti anni lì a Genova, potrebbe essere quell’arma in più che fa girare bene la squadra. Valore aggiunto? Certo, l’ha dimostrato in questi anni. Poi è normale che quando stai per tanto tempo in una società i rapporti si logorano da entrambe le parti, ma non dobbiamo dimenticare che Gasperini ha fatto a Genova quello che nessun’altro ha voluto fare».

Quando gli si chiede di azzardare un pronostico, lui non ha problemi a sbilanciarsi: «Io spero che vinca il Genoa. Anzi, non spero, ma penso! La vedo bene. La classifica di quest’anno non rispecchia assolutamente la partita».

Condividi
Articolo precedente
Primavera: domani la Samp chiude la stagione a Modena
Prossimo articolo
Caressa: «Ranocchia è da Napoli. Con Sarri…»