Giampaolo: «Napoli macchina da guerra. Mercato? Ho dato indicazioni»

Giampaolo sampdoria
© foto Valentina Martini

Sampdoria-Napoli 2-4, Giampaolo: «Ripartire da qui e migliorarci. Mercato? Ho dato indicazioni, spero ci sia solo un “sacrificio”»

La Sampdoria termina nel peggiore dei modi questa stagione, subendo un pesante 4-2 dal Napoli davanti al proprio pubblico. Il vantaggio iniziale dei partenopei è arrivato da un errore di Regini, che ha messo Mertens in condizioni di scavalcare Puggioni troppo fuori dai pali; dopo l’eurogol di Insigne prima dell’intervallo, la ripresa vede subire a freddo il 3-0 targato Hamsik, recuperato immediatamente da Quagliarella. La grinta della Samp, però, è troppo poca e il Napoli prende il sopravvento segnando il 4-1 con Callejon e dominando per tutto il secondo tempo sia in termini qualitativi che di intensità in campo. Inutile ai fini del risultato il gol di Alvarez allo scadere. Il tecnico blucerchiato Marco Giampaolo si è espresso così ai microfoni di Sky Sport«Siamo partiti con un gruppo nuovo, da plasmare. Bisogna ripartire da questo piccolo mattoncino che abbiamo messo in questa stagione, cercando di migliorarci. Schick? La società sa di cosa abbiamo bisogno, io le indicazioni le ho date. Poi ci sono situazioni spinose – precisa Giampaolo – in cui non puoi programmare o decidere: penso a Schick e Muriel, e probabilmente qualche altro giovane. Penso che la società qualche sacrificio lo debba fare, spero che sia uno. Schick fenomeno? Considerando l’età e ripensando a com’era arrivato a luglio scorso, credo che sia ancora in evoluzione. Ha una grande sensibilità per il gol, ha i numeri del fuoriclasse per l’età che ha. Il Napoli è una macchina da guerra, ha organizzazione e qualità: io penso che l’indirizzo che Sarri ha dato a questa squadra sia prettamente tecnico, e non so se sia possibile migliorare più di così tecnicamente. Ha un impianto consolidato e questo è un fattore importante, si migliora lavorando e con gli anni. Oggi il Napoli è una bellissima realtà».

BILANCIO – In conferenza stampa, Giampaolo ha commentato la prestazione dei suoi e più in generale la stagione appena conclusasi: «Qualcosa di più si può fare sempre. Poi bisogna anche fare valutazioni in base alla forza e alla qualità dell’avversario. Avevamo approcciato bene la gara, poi il Napoli ha trovato un eurogol. La squadra ci aveva messo qualcosa in più perché temeva questa partita. Ci siamo stati per buona parte della gara, qualche volta abbiamo sofferto, ma in questo momento della stagione ci siamo difesi abbastanza bene. Stagione positiva? Io posso dire che i calciatori, rispetto a luglio scorso, sono migliorati: alcuni li abbiamo recuperati rispetto alla stagione passata, e mi riferisco ai Barreto e ai Silvestre. Puggioni ha fatto più di venti partite – spiega Giampaolo – qualche giovane si è messo in evidenza. Ora bisogna capire cosa fare per migliorarci. Mancata benzina? Per qualcuno ci sta. Torreira è stato un trascinatore fino a ieri. Consideriamo sempre l’età. In questa ultima parte di campionato dobbiamo rimproverarci la sconfitta di Roma con la Lazio e quella casalinga con il Crotone. Dobbiamo capire, però, cos’ha fatto questa squadra in funzione di quello che era l’inizio di campionato».

SALUTO A PALOMBO – Non solo Totti, ma anche Angelo Palombo potrebbe aver giocato oggi l’ultima gara con la propria squadra e dato l’addio al proprio pubblico: «Lo meritava per quella che è stata la sua carriera. Quello che farà l’anno prossimo non lo so – ammette Giampaolo – ma è stato un trascinatore. Meritava di salutare il nostro pubblico». Quando gli viene chiesto di dare un voto a quest’annata, Giampaolo storce il naso: «I voti li date voi (ride, ndr). Sono contento che la squadra sia stata aggrappata ad un modello di lavoro e a un’identità. Il gruppo è stato molto professionale, ha sempre accettato tutto. Voglio ringraziare i miei calciatori, perché a loro ho chiesto molto e devono sapere che sarà così fra un mese e qualche giorno. L’ambizione – conclude il mister – è quella di migliorarsi e si riparte con questa idea».

Condividi
Articolo precedente
Sampdoria-Napoli 2-4: voti e tabellino
Prossimo articolo
Il veterano Quagliarella batte Schick e Muriel