Jorge Meré, difesa e soldi in cassaforte – VIDEO

Meré Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Jorge Meré è un obiettivo della Sampdoria per rinforzare la difesa, lo Sporting Gijon ha l’obbligo di venderlo: scopriamo chi è

Sono tanti i nomi annotati sul proprio taccuino dai dirigenti della Sampdoria, intenzionati a operare investimenti a lungo termine che diano garanzie sul campo nel presente ed economiche in futuro, in caso di una eventuale cessione. Tra i più papabili compare quello di Jorge Meré, talentuoso difensore centrale in forza allo Sporting Gijon: nonostante la scadenza sia datata 2020, gli accordi contrattuali prevedono una obbligatoria vendita del giocatore in seguito alla retrocessione del club nella seconda divisione iberica. Le pretese, di conseguenza, non saranno alte, ma sarà fondamentale battere la folta concorrenza di altre società come il Malaga, disposto a pagare i 10 milioni di euro previsti momentaneamente. L’interesse è peraltro alimentato dalla sua attuale presenza negli Europei Under 21 con la Spagna, impegnata martedì prossimo nella semifinale contro i pari età dell’Italia.

Meré nasce a Oviedo il 17 aprile 1997, è alto 1,82 metri e sogna di diventare completo quanto Sergio Ramos, idolo da quando era bambino. In campionato ha collezionato 31 presenze, un gettone supplementare deriva dalla Copa del Rey, e ciò testimonia l’importanza di un giovanissimo difensore che solamente nella passata stagione vestiva la maglia della seconda squadra dello Sporting Gijon. Un percorso di maturazione che sta proseguendo in maniera sostenuta, sintomo del suo enorme talento. Sa cosa significa vincere – il trofeo più importante della sua breve carriera lo ha ottenuto con la vittoria degli Europei Under 19, alla corte del commissario tecnico Luis Del La Fuente -, sa cosa significa giocare con continuità e determinazione. Meré è dotato di uno spiccato senso dell’anticipo, seppur una non eccezionale velocità. Abile nel gioco aereo, pur non essendo un gigante, elegante e bravo tecnicamente, sa impostare il gioco con discreta disinvoltura, risultando così abbastanza completo. A fare la differenza è la sua personalità, con cui guida l’intero reparto arretrato mostrando carisma che non tutti quelli della sua leva possiedono.

Condividi
Articolo precedente
rispoli palermoLa Sampdoria tenta Rispoli: secco no del Palermo
Prossimo articolo
torreira sampdoriaGiampaolo e il centrocampo: non più scommessa ma fondamenta della nuova Sampdoria