Lanna: «Ieri passo indietro. Alla ripresa voglio una squadra diversa»

© foto www.imagephotoagency.it

Sconfitta pesante, quella subita ieri dalla Sampdoria contro il Chievo al “Ferraris”. Tre punti importanti persi per strada, che potevano invece valere da salva-campionato. Ora, purtroppo, è tutto da rifare per Montella, che si troverà alla ripresa del campionato con soli 4 punti di vantaggio sulla zona calda della classifica e contro un avversario molto impegnativo come la Fiorentina, anche se i Viola sono reduci da un periodo di scarsi risultati. 

Si è soffermato sull’attuale situazione della Sampdoria anche Marco Lanna, storico libero degli anni d’oro dei blucerchiati, che sembra molto deluso dalla brutta prestazione di ieri: «Un passo indietro rispetto alle ultime gare sotto ogni punto di vista. Non mi è piaciuto l’atteggiamento messo in campo, specialmente nel primo tempo, non davano la sensazione di voler raggiungere il risultato a tutti i costi, poi nella ripresa qualcosa è cambiato, ma il risultato no».

Unica nota positiva della giornata, Emiliano Viviano, che con le sue parate (non ultima quella su Birsa dal dischetto) ha tenuto a galla la squadra e le ha dato la possibilità, non sfruttata, di riaprire la partita: «Ha messo in campo una prestazione incredibile, salvando il risultato in più di tre occasioni, ma non è bastato. E’ un portiere di sicura affidabilità, sul quale anche in futuro la Sampdoria farà affidamento».

C’è chi invece non è per niente entrato in clima partita, fornendo una prestazione superficiale: «Alvarez veniva da due belle partite – ammette – ma ieri è di nuovo incappato in una domenica no. Montella lo vede tutta la settimana e se lo mette in campo dal primo minuto ci saranno delle motivazioni. Stesso discorso vale per il resto degli attaccanti. Cassano non ha inciso, forse Quagliarella ha messo in campo più voglia degli altri, ma con scarsi risultati».

Con la sconfitta di ieri, il discorso retrocessione è stato dolorosamente riaperto: «Il cuscinetto con il terzultimo posto rimane di quattro punti, e non è tanto visto il calendario che dovrà affrontare la Samp. La vittoria del Carpi ha rimesso in discussione un po’ tutti, ma ieri se la Samp fosse riuscita a far sua la partita staremo parlando di altro, e per questo motivo aumenta l’amaro in bocca».

Un’ultima battuta sulla sosta per le due amichevoli della Nazionale, che farà rifiatare le squadre, ma potrebbe anche diminuire la concentrazione: «Questo sarà il campo a dirlo. Però voglio vedere una squadra diversa alla ripresa, una gruppo di gicoatori che ha una voglia matta di portare a casa punti importanti contro ogni tipo di avversario. Vincenzo dovrà lavorare al massimo sulla testa dei giocatori e sulle loro motivazioni. La salvezza non passa dal bel gioco – conclude a genoasamp.com – ma dai gol e dai risultati, anche un punto può fare la differenza».

Condividi
Articolo precedente
Samp, ecco Torreira: «Mi ispiro a Verratti, l’anno prossimo sogno la Serie A»
Prossimo articolo
Primo giorno di allenamenti per i Nazionali, domani doppia seduta