Lotta retrocessione: Mihajlovic salva il Genoa, Empoli e Crotone vanno all’ultima

© foto www.imagephotoagency.it

Lotta retrocessione: Mihajlovic salva il Genoa, Empoli e Crotone si giocano tutto l’ultima partita di campionato

Sinisa Mihajlovic si era dichiarato dispiaciuto per la situazione di classifica del Genoa e, con questa sconfitta del suo Torino, regala i tre punti salvezza alla squadra rossoblù. Questo risultato mette la giusta distanza per pensare ad un prossimo campionato in Serie A per la squadra di Juric che, grazie alla punizione di Veloso girata in porta da Rigoni e al gol di Simeone, la porta a +4 dal Crotone. Diversa la situazione per gli squali che allo Juventus Stadium subiscono lo strapotere della squadra bianconera che gli impartisce una dura sconfitta. Sconfitta che però non pregiudica la sua permanenza in Serie A, sul campo parallelo dell’Empoli, è l’Atalanta che vince con una rete di scarto, lasciando solo un punto tra le due squadre in lotta per non retrocedere. Tutto si risolverà nell’ultima gara di campionato dove si saprà chi tra Empoli e Crotone dovrà lasciare la Serie A.

Lotta retrocessione: il Crotone vince, il Genoa e l’Empoli perdono. Tre squadre in un punto. La situazione

AGGIORNAMENTO 14/05: LA SITUAZIONE A DUE GARE DALLA FINE – La 36.a giornata stravolge completamente la lotta per non retrocedere. Il Palermo in casa decide di rendere la vita difficile al Genoa e l’ex blucerchiato Rispoli regala i tre punti alla squadra rosanero, già matematicamente retrocessa. Anche l’Empoli contro il Cagliari, dopo il vantaggio della squadra di casa per 3-0 alla fine del primo tempo, prova a ribaltarla senza successo e la partita finisce con il risultato di 3-2. Il Crotone continua la sua marcia stile Juventus, continua a vincere e questa volta la vittima sacrificale è l’Udinese di Delneri. Questo risultato è fondamentale, anche in relazione a quelli maturati sui campi paralleli, il Crotone si porta ad un punto dall’Empoli e a due punti dal Genoa: la prossima di campionato potrebbe essere quella del sorpasso, il Crotone giocherà contro la Juventus in trasferta, ma la squadra di Allegri potrebbe essere già scudettata e con la testa ad altri impegni ben più importanti. L’Empoli ha l’Atalanta già matematicamente in Europa, mentre il Genoa ha il Torino in crisi nera ma altrettanto complicata come partita proprio per la voglia di riscatto dei ragazzi di Mihajlovic.

Lotta retrocessione: il Palermo raggiunge il Pescara in Serie B. Invariate le posizioni tra Crotone, Empoli e Genoa che vincono tutte

AGGIORNAMENTO 07/05: LA SITUAZIONE A TRE GARE DALLA FINE – Arriva il secondo responso da questo campionato, il Palermo è matematicamente retrocesso in Serie B. Con il risultato maturato oggi si spengono le speranze dei rosanero di realizzare le quattro vittorie che gli avrebbero permesso di continuare a sperare. Le altre contendenti per un posto in Serie B sono Genoa, Crotone e Empoli che, in questa 35.a giornata, vincono tutte: i ragazzi di Nicola a Pescara con una rete di scarto, il Genoa in casa contro un Inter spenta e poco reattiva e l’Empoli con tre reti al Chievo, squadra che oramai nulla ha da giocarsi in questo campionato. Tutto rimandato alla prossima giornata dove il Genoa andrà a Palermo per affrontare proprio i rosanero, il Crotone in casa contro l’Udinese e l’Empoli a Cagliari contro i ragazzi di Rastelli.

Lotta retrocessione: Pescara già retrocesso, Crotone con il coltello tra i denti che inguaia Empoli e Genoa. Tutto può succedere: la situazione

AGGIORNAMENTO 30/04: LA SITUAZIONE A QUATTRO GARE DALLA FINE – Non si può dire che sia un campionato privo di emozioni quello che si sta dipanando sotto i nostri occhi. Il Crotone, dato per morente e rassegnato alla Serie B in due partite ha preso quattro punti e si è portato a ridosso dell’Empoli. La squadra di Martusciello dopo due vittorie convincenti perde in casa contro il Sassuolo di Di Francesco: ora sono solo quattro i punti di distacco tra la squadra di Nicola e la zona salvezza, con ancora quattro gare da disputare. È ufficialmente caos in casa Genoa: dopo la prestazione convincente contro la Lazio (finita in pareggio), la sconfitta annunciata contro la Juventus, arriva la batosta contro il Chievo. Il Genoa fa tutto da solo: sbaglia un rigore, va in vantaggio. Sul risultato di 1-0 dalla Gradinata Nord parte un fumogeno che era diretto a Sorrentino. Un film già visto: ricordate Genoa-Siena?! Il Chievo che nulla più aveva da chiedere al campionato si rianima e ritrova la volontà combattiva andando a vincere la partita a Marassi. Adesso il Crotone può puntare a due squadra: l’Empoli a 4 punti di distanza, il Genoa a solo 5, con un calendario che ora è difficile per tutte. La prossima giornata vedrà infatti: l’Empoli affrontare il Bologna, autore oggi di una prestazione maiuscola contro l’Udinese; il Genoa andare in casa dell’Inter che non vuole regalare punti a nessuno e il Crotone contro il Pescara, già retrocesso.

AGGIORNAMENTO 17/04: LA SITUAZIONE A SEI GARE DALLA FINE – In attesa di riprendere il nostro cammino con le ultime sei giornate di campionato in cui la Sampdoria sarà impegnata a Marassi contro il Crotone, poi in trasferta a Torino e contro la Lazio, in casa con il Chievo, a Udine contro i ragazzi di Delneri e infine a Marassi contro il Napoli di Sarri, vediamo il calendario delle squadre in lotta per non retrocedere. A conti fatti la situazione vede: Pescara 14 punti, Palermo 16, Crotone 21 virtualmente retrocesse; Empoli 26 e Genoa 30 punti ancora in bilico. Certo, si potrebbe dire che un +9 sull’Empoli è un vantaggio concreto per la squadra di Juric e che il rischio è ridotto al lumicino, però la matematica non c’è ancora. I punti a disposizione sul tavolo sono 18, lasciando fuori sia il Pescara che il Palermo, impossibilitate a vincerle tutte da qui alla fine del campionato contando che ad esempio la prossima gara per i rosanero è la Lazio all’Olimpico e per il Pescara è la Roma in casa, vediamo tra Crotone-Empoli-Genoa chi ha il calendario peggiore.

CROTONE: MILAN, JUVE, LAZIO SUL CAMMINO – Iniziamo dalla squadra di Nicola che, delle sei gare in programma, ha tre scontri con le prime della classe. Dopo la Sampdoria a Marassi, che sicuramente non farà sconti volendo cercare altri punti per un ipotetico ottavo posto, avrà il Milan in casa, la Juventus alla penultima giornata e la Lazio all’ultima di campionato. In mezzo però ci sono anche gare da tre punti contro il Pescara e in casa contro l’Udinese. Sicuramente il Crotone è la squadra da cui potersi aspettare di più, hanno dimostrato che davanti ai loro tifosi diventa ostica per qualsiasi compagine e seppur il loro organico non sia stellare è unito, segue il Mister e può strappare risultati inaspettati tipo contro i nerazzurri di Pioli. Al momento l’idea che la squadra di Nicola riesca a recuperare il divario di cinque punti con l’Empoli sembra quantomeno remota, quindi altrettanto inverosimile che riesca a prenderne nove al Genoa, ma il calendario delle sue dirette avversarie non è così in discesa

EMPOLI: MILAN E ATALANTA, MA CHE FATICA – Passiamo all’Empoli che ha sicuramente il calendario meno ricco di scontri con squadre al vertice però è tutto il campionato che ha fatto fatica a trovare il gol e, per vincere, segnare è quantomeno fondamentale. Subito il Milan e alla penultima giornata l’Atalanta, in mezzo il Sassuolo al Castellani quindi una gara tutto sommato abbordabile visto comunque il risultato maturato contro la Fiorentina, poi il Bologna e il Cagliari che non hanno più molto da chiedere a questo campionato, infine il Palermo che all’ultima giornata sarà già retrocesso ed è difficile pensare che lotti alla morte consapevole del suo destino. Se il Crotone ha 6 punti su 18 facili, l’Empoli ha potenzialmente 12 punti fattibili sul suo cammino. Nessun risultato è già scritto ma, inevitabilmente, più si avvicina la fine del campionato più la tensione aumenta e diventa complicato mettersi al riparo, soprattutto con squadre che si mettono a correre dietro.

GENOA: JUVE, INTER, TORINO E ROMA – Sicuramente la squadra con il calendario più complicato è il Genoa di Juric. Il pareggio strappato contro la Lazio vale quasi una vittoria, in previsione delle sei giornate che l’aspettano. Quattro avversari lottano ancora per qualcosa e difficilmente non tenteranno di prendere i tre punti contro la squadra rossoblù. Il primo in ordine cronologico è la Juventus, in corsa scudetto: la squadra di Allegri vuole archiviare il campionato il prima possibile ma deve concentrarsi anche sull’impegno di Champions League. Questo non gli ha impedito di vincere 2-0 contro il Pescara, quindi è verosimile pensare che giocheranno alla morte. Unico lato positivo è che, dopo i bianconeri, il Genoa si troverà due gare a Marassi, davanti al suo pubblico: prima il Chievo, che ormai è in spiaggia mentalmente, poi l’Inter decisamente più ostico come avversario dopo la sconfitta rimediata contro la Sampdoria, quella successiva contro il Crotone e poi il pareggio nel Derby della Madonnina all’ultimo minuto di gioco. La squadra di Pioli ha ancora delle velleità di classifica e non scenderà in campo per meno dei tre punti. La partita facile, seppur al Barbera, sarà quella contro il Palermo a due giornate dalla fine, con una squadra probabilmente già retrocessa e con la testa altrove. Le ultime due sono in salita: il Torino che potrebbe non giocarsi più nulla, come ambire ancora a qualcosa e la Roma che potrebbe essere ancora salda al secondo posto o giocarselo con il Napoli (escludendo una riapertura della lotta per lo scudetto). Come il Crotone la squadra rossoblù ha sei punti facili su 18 a disposizione, ma in considerazione del suo calendario potrebbero essere già sufficienti a salvarsi.

Condividi
Articolo precedente
barretoInfortunio Barreto: le condizioni del centrocampista
Prossimo articolo
silvestre sampdoriaPagelle Udinese-Sampdoria 1-1: Silvestre in difficoltà, Muriel contestato