Lotta salvezza: vincere nel prossimo turno per cancellare la paura

© foto www.imagephotoagency.it

Il pareggio contro la Fiorentina è stato sicuramente un risultato utile anche se maggiormente a livello di morale di squadra. A livello di classifica infatti la situazione resta abbastanza calda, seppur ci sia un cuscino di cinque punti dalle zone pericolose. Questo se si guarda in basso, se invece si guarda in alto, ci sono sette squadre in quattro punti: Genoa 37; Torino, Atalanta, Bologna, Empoli 36; Udinese 34 e Sampdoria a 33.

 

È un attimo tirarsi fuori dai guai: basta una vittoria per balzare a un punto dal Genoa, in caso quest’ultimo venga sconfitto dal Sassuolo in trasferta. Ma bisogna vincere, in una giornata che potrebbe dir molto a livello di classifica. Iniziamo infatti a vedere i match caldi per la zona retrocessione.

Il Palermo di Novellino aspetta in casa la Lazio del neo allenatore Simone Inzaghi: bene, ma non benissimo perchè potrebbe cercare di approfittare della confusione che regna pure in casa di Lotito per acciuffare tre punti. Dall’altra parte facile che la Lazio voglia dare un segnale di reazione dopo la batosta nel Derby della Capitale ai danni di rosanero. Il Verona, uscito vittorioso grazie al gol dell’esordiente Samir, va al San Paolo: ambiente bello caldo dopo la sconfitta contro l’Udinese e la squalifica a quattro giornate di Higuain. I partenopei senza il loro miglior attaccante non sono privi di armi e per tenersi attaccati alla Juve e non cedere il passo alla Roma devono per forza trionfare.

 

Passiamo alle due squadre subito sotto alla Sampdoria: Carpi e Frosinone. I frusinate aspettano in casa una Inter abbastanza avvelenata dopo la sconfitta maturata contro il Torino. Mancini deve cogliere l’ultimo treno se non vuole mettere a rischio gli obiettivi stagionali. Il Carpi invece va a Verona a trovare il Chievo, ormai salvo ma non privo di ambizioni soprattutto davanti ai suoi tifosi. Delle quattro squadre a 36 punti: Torino e Atalanta si affrontano faccia a faccia, entrambe reduci dall’assassinio delle milanesi, entrambe che vogliono andare a punti. Un pareggio non serve a nessuno, quindi una delle due resterà ferma a quota 36 agganciabile dalla Sampdoria in caso di vittoria. L’Empoli in caduta libera trova la Fiorentina che ha le medesime ambizioni dell’Inter e vorrà prendere lo scalpo alla squadra di Giampaolo, altra squadra agganciabile assieme al Bologna che deve andare all’Olimpico ed affrontare la Roma che punta al secondo posto.

Sulla carta è un turno importante: in caso di risultati favorevoli sui paralleli si potrebbe andare a otto punti dalla zona retrocessione, agganciare Bologna, Empoli e una tra Torino e Atalanta, portandosi ad un punto dal Genoa.

Condividi
Articolo precedente
Viviano e il tentativo di uscire imbattuto contro l’Udinese
Prossimo articolo
Un girone con Montella: doveroso guardare avanti