Michal Trávnik, un mediano con i piedi da attaccante – VIDEO

Trávník Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Uno sguardo a Michal Trávnik, un possibile crack per la mediana blucerchiata

Il mercato dell’Europa dell’Est in queste stagioni è stato un ottimo terreno di conquista per la Sampdoria che solo nelle scorse due finestre di mercato estivo ha sistematicamente attinto da quelle zone geografiche per costruire la propria rosa: due stagioni fa arrivò dall’Ucraina Fernando e a gennaio 2016 fu il turno di Milan Skriniar, nella scorsa stagione invece ci fu l’accoppiata composta da Karol Linetty e Patrik Schick: insomma, lo scouting blucerchiato sa muoversi piuttosto bene intorno alle sponde del Danubio. Due di questi giocatori hanno fruttato il tesoretto estivo di Massimo Ferrero, i 30 milioni che il Doria riceverà dalla Juventus per Schick e i 20 dall’Inter per Skriniar sono un segnale piuttosto convincente dell’ottimo lavoro svolto, ma di talenti quelle zone sono pieni, è ancora possibile trovare giocatori dai profili veramente interessanti. Ed è proprio quello che la Samp vorrebbe fare con Michal Trávnik, giocatore che si è messo in mostra nell’Europeo Under 21 proprio nel girone dell’Italia, contro i quali ha trovato anche il gol.

Il capitano della Repubblica Ceca Under 21 è un classe 1994 che per ora ha giocato sempre e solo nel suo Paese, senza ancora spiccare il volo verso campionati più competitivi. Nella scorsa stagione, con la maglia dello Jablonec ha raccolto 28 presenze mettendo a referto 2 gol e 5 assist vincenti. Come ruoli ha giocato quasi sempre al centro del campo spaziando dalla mediana in fase di rottura alla trequarti a supporto delle punte e ogni tanto anche da centrocampista esterno su entrambe le fasce: la maggior parte del contributo offensivo è arrivata proprio quando il giovane Trávnik ha agito da supporto agli attaccanti sulla trequarti o sull’esterno, i due gol proprio quando era l’esterno destro della formazione. In Nazionale durante l’Europeo il commissario tecnico Vitezslav Lavicka l’ha utilizzato sempre come trequartista nel 4-2-3-1/4-5-1 a supporto di Schick. Insomma, il giocatore ha mostrato di avere grande duttilità al centro del campo dove può ricoprire quasi tutti i ruoli. Nella Sampdoria, col reparto di centrocampo che è l’unico che non ha ancora avuto e non dovrebbe avere grandi rivoluzioni, il suo impiego potrebbe essere sia da mezz’ala di destra in alternativa a Barreto che da playmaker basso al posto di Torreira o perché no anche lo stesso ruolo che ricoprì Patrik Schick nelle sue prime apparizioni in blucerchiato, proprio quello di giocatore alle spalle delle due punte, Wesley Sneijder e Josip Ilicic permettendo. La concorrenza è tanta in tutta Europa, ma la Samp ha nel mirino un gran bel giocatore.

Condividi
Articolo precedente
sampdoria gradinataSampdoria, uno sguardo al futuro: presi due talenti a costo zero
Prossimo articolo
Murru SampdoriaMurru si presenta alla Sampdoria: «Ripagare la fiducia con assist e gol». È ufficiale