Mocellin, Sampdoria Club New York: «Annata di soddisfazioni! Il sogno? La Sampdoria in tournée negli States»

© foto Sampdoria Club New York

Esclusiva SampNews24 – La Sampdoria è i suoi tifosi! Dopo una sosta, riprendiamo il nostro viaggio tra i club blucerchiati. Oggi con Marco Mocellin e Enrico Contini voliamo a conoscere il Sampdoria Club New York

Continua il nostro viaggio tra i clubs blucerchiati! Durante la sosta per la Nazionale abbiamo fatto mezzo giro del mondo, dal Sudafrica alla Francia, dalla Scandinavia al Giappone. Ma il nostro viaggio continua e attraversiamo l’Atlantico per conoscere i tifosi del Sampdoria Club New York. Marco Mocellin e Enrico Contini ci guidano alla scoperta del tifo blucerchiato nella “Grande Mela”, una passione tramandata di generazione in generazione: «Il Sampdoria Club USA viene fondato nel 90-91 dall’inossidabile Presidente tuttora in carica: Giorgio Gibelli a NYC. Il club nel corso degli anni ha visto un avvicendarsi di volti nuovi che hanno comunque un’unica linea guida: amare e supportare la U.C. Sampdoria e promuovere la fede nei i colori “più belli nel mondo” negli States. La maggior parte dei soci vive tra la città di NY e il New Jersey, stato dirimpettaio a NY, per questo negli anni il club sta prendendo più una connotazione newyorkese. Ciononostante abbiamo uno stretto sodalizio con San Francisco visto che alcuni soci del Club si sono spostati per lavoro sulla Costa West. Ci tengo a citare Filippo Amoroso che per le partite delle 3 del pomeriggio di Domenica punta la sveglia alle 6am visto il fuso orario, per vederla e sostenerla, ma è una cosa che faremmo e che facciamo tutti! Siamo circa una trentina e anche di più se contiamo anche le famiglie e i giovani blucerchiati che stanno crescendo e a cui un giorno passeremo il testimone».

IN CASA O AL BAR: INSIEME PER SEGUIRE LA SAMP– Le storie dei tifosi blucerchiati s’intrecciano e anche per i tifosi di New York è stato così. Fabrizio Rainone, co-fondatore del Sampdoria Club Sudafrica, è stato determinante: «Ci siamo trovati inizialmente tramite conoscenze comuni. Fabrizio Rainone è stato un elemento chiave per unirci e farci incontrare. Io personalmente devo ringraziare lui per avermi presentato il Presidente Gibelli. Con Enrico Contini, Franco Ravano, Ferdinando Martino, Vittorio Gimelli, Robert Barletta e Andrea Vianello ci siamo incontrati un po’ per lavoro e un po’ semplicemente per la fede blucerchiata che ci portava allo storico “Nevada Smith” o al “Legend Bar” di NYC per assistere alle partite insieme quando la tecnologia ancora non ci aiutava. Ma ancora oggi, se non a casa di qualcuno, amiamo ritrovarci al Legend Bar dove abbiamo esposta la nostra bandiera storica del 89-90.Grazie a BEIN Sport HD e RAI International, per entrambe paghiamo un abbonamento mensile, riusciamo a vedere tutte le partite in diretta e a soffrire e gioire per la Samp! La tecnologia ci ha decisamente agevolato negli ultimi anni e ci dà la possibilità di seguire la ragazza del ’46 sempre e comunque».

Il Sampdoria Club New York a casa di Franco Ravano per l’ultimo Derby della Lanterna

IL SOGNO DI RIVEDERE LA SAMPDORIA NEGLI STATES – Molte squadre in estate partono per delle esperienze in America, il sogno è vedere anche i blucerchiati tornare negli Stati Uniti per una tournée: «Speriamo che presto la Sampdoria possa venire in tournée negli States, ormai sono anni che la cosa non avviene e solo il Presidente Giorgio, Fabrizio e Robert sono testimoni di quella tournée. Ci piacerebbe quindi che la cosa si potesse ripetere presto per poter creare qualche evento con la società e la squadra e promuovere il blucerchiato made in USA. Il nostro media GURU è Franco Ravano che aggiorna e tiene viva la nostra pagina facebook vero e proprio mezzo di comunicazione del Club a cui invitiamo tutti i cuori blucerchiati che passano per gli States e non solo a dare un’occhiata soprattutto per interagire con noi per vedere le partite insieme ma anche e semplicemente per informazioni su come muoversi in America. Ogni anno teniamo la nostra cena sociale presso il ristorante newyorchese “Il Piccolo Angolo” fondato dallo storico e indimenticato Renato Migliorini, cuore blucerchiato che ci ha lasciati nel 2014. Col Club stiamo producendo la nostra linea di sciarpe e magliette che tra poco sarà in vendita online».

GIAMPAOLO E LA SQUADRA: ANNATA DI SODDISFAZIONI – Anche oltre l’Atlantico c’è soddisfazione per il lavoro fatto da Giampaolo e dalla squadra blucerchiata in questo campionato: «La Sampdoria nel 2017 ci sta dando enormi soddisfazioni, dopo tanti anni finalmente vediamo e apprezzzato: un’identità di squadra, un’idea di gioco precisa e sempre propositiva, grinta, corsa, cuore, tecnica. Un allenatore serio che finalmente reputa la Samp un punto d’arrivo e non un trampolino di lancio per poi emigrare verso altri lidi. Uno scouting eccellente, grazie a Riccardo Pecini. Un progetto societario, speriamo di non essere smentiti da uno smantellamento generale a giugno, mirato a far crescere i giovani e allestire di anno in anno una squadra sempre più competitiva con cessioni che portino a plusvalenze di rilievo e reinvestimenti in giocatori di prospettiva; la creazione di un academy per i giovani e il progetto stadio di proprietà, se mai sarà possibile farlo. Ad oggi la Sampdoria ha ampiamente superato le aspettative che avevamo a inizio campionato. La conferma di Marco Giampaolo è il primo punto cardine per confermare la volontà della società di dare inizio ad un ciclo, che purtroppo non vediamo da anni, basato sui giovani che il tecnico di Bellinzona possa plasmare e forgiare al suo credo calcistico. Per il futuro speriamo di vedere una Samp che ci faccia divertire e che possa lottare per un posto in Europa e per la parte sinistra della classifica, ma in primis una squadra che giochi un calcio propositivo a viso aperto senza paura e soprattutto che onori col sudore della maglietta “Quei Colori Magici che ci fan venire i Brividi”. Noi, anche da oltreoceano, ci saremo sempre a sostenerla e a gridare a squaciagola FORZA SAMPDORIA».

Condividi
Articolo precedente
schick sampdoriaEx allenatore Schick: «Il suo problema? Ora ha chiuso la bocca»
Prossimo articolo
lugano sampdoria FernandesBeneficenza: Fernandes si schiera per la LILT Genova