Montella a lavoro per il futuro: chi resta e chi può andare via

© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria non ha ancora conquistato la salvezza, ma un passo in avanti importante potrebbe farlo domenica battendo l’Udinese. Nel frattempo la società blucerchiata sta gettando le basi per il futuro. Al timone ci sarà ancora Montella, che ha altri due anni di contratto e non sembra poter rientrare nel “risiko” delle grandi panchine. E, infatti, è cominciato da oltre un mese un confronto interno su come rinforzare la squadra in vista della prossima stagione. Il tecnico blucerchiato ha idee molto chiare per ogni reparto e ha già un’idea dei giocatori da confermare e quelli da bocciare.

 

IL BORSINO – Come riportato da Il Secolo XIX, Silvestre, Barreto, Pereira e Muriel sono stati finora accantonati. Questi quattro, dunque, potrebbero finire sul mercato, ma non sarà facile piazzare Silvestre e Barreto, che hanno contratti pesanti (ingaggio di oltre un milione di euro). Discorso diverso per Pereira, perché è giovane e ha già attirato l’interesse di molti club, anche all’estero. Muriel, invece, dovrà sfruttare la vetrina della Copa America. Su chi intende puntare, invece, Montella? Moisander, Dodò, Ranocchia, Alvarez, Correa, Quagliarella e Kristicic, mentre Viviano, De Silvestri e Fernando non sono mai stati in discussione. Per confermare Dodò e Ranocchia potrebbe essere sacrificato Soriano, che tra l’altro si è “spento” negli ultimi mesi. L’unico elemento di continuità con Zenga è l’impiego altalenante di Cassano, incerto sul suo futuro, e l’esclusione di Palombo, finito ai margini.

Condividi
Articolo precedente
Lotta salvezza: l’Hellas Verona espugna Bologna. Decide Samir
Prossimo articolo
Rinnovo Alvarez: l’ufficialità con la salvezza