Montella boccia Fernando. Muriel e Soriano, nodo svalutazione

© foto www.imagephotoagency.it

Come cambierà la Sampdoria dopo il vertice di ieri tra Vincenzo Montella e Massimo Ferrero? Sono molti i nodi da sciogliere: tra i partenti ci sono Luis Muriel e Roberto Soriano, che potrebbero riabbracciare Sinisa Mihajlovic passando al Torino, e Antonio Cassano, che vorrebbe più spazio. Tutti d’accordo, secondo Tuttosport, sulle cessioni, ma il nodo più spinoso resta la campagna acquisti: Montella, ad esempio, vorrebbe un regista di qualità, perché non gli piace Fernando. Un tentativo potrebbe essere fatto con l’Inter per Dodò e Andrea Ranocchia. Tanto lavoro per il direttore sportivo Carlo Osti, accostato tra l’altro a Bologna e Udinese.

 

Il vero problema con cui dovrà fare i conti il dirigente quando dovrà occuparsi delle cessioni è la svalutazione dei giocatori. Rispetto a nove mesi fa la squadra ha, infatti, perso parecchio del suo valore. Non sarà facile fare mercato con la necessità di fare plusvalenze e la consapevolezza di questo nodo. Le cose si fanno complicate, secondo l’edizione genovese de La Repubblica, per Roberto Soriano che poteva essere ceduto per 15 milioni, mentre ora l’Inter si è defilata e si è aperto solo uno spiraglio col Torino, che però lavorerebbe su prestiti e pagamenti spalmati. Discorso simile per Luis Muriel, valutato almeno 8 milioni di euro ora: la mancata convocazione nella Colombia complica i piani.

Condividi
Articolo precedente
L’Estudiantes aspetta l’ultima rata per Correa e “tifa” Inter
Prossimo articolo
Nazionale, esclusione De Silvestri: motivazione fisica