Montella: «Il gol lo hanno fatto i nostri tifosi»

© foto www.imagephotoagency.it

Vittoria importante, anzi importantissima per la Sampdoria a Marassi, davanti ai suoi tifosi. La Lazio si infrange contro Emiliano Viviano che para il suo quarto rigore in questa stagione. Poi Fernando e Diakitè realizzano i gol del pareggio e della vittoria per la formazione blucerchiata.

Intervenuto ai microfoni di Premium Sport, Mister Montella è soddisfatto della squadra ma soprattutto fa un applauso al pubblico: «Il gol lo assegnerei al nostro pubblico, sono stati i tifosi a mettere la palla dentro. Non mi è piaciuta la squadra dopo i primi 20′ dal gol dello svantaggio, ma poi siamo venuti fuori ed abbiamo preso in mano la partita. Sono contento per questa salvezza, dedico questa vittoria ai ragazzi e al presidente per la nascita del piccolo Oscar.

Adesso siamo più tranquilli, possiamo metterci seduti e parlare con calma. Tutta la tensione di questi mesi mi ha un po’ condizionato, ma ora è tutto alle spalle. Da parte nostra sappiamo che vogliamo migliorare la squadra. Spesso si pensa di essere sempre più bravi e furbi degli altri ma non è così. Oggi è stata una partita strana, tatticamente non perfetta, ma la squadra ha personalità ed ha voluto questi tre punti a tutti i costi. Le ultime tre gare possono essere importanti per i giovani che hanno giocato di meno, ma le valutazioni bene o male sono state fatte.

Quando ero a casa non soffrivo, stavo proprio bene, invece ora c’è più tensione. Abbiamo avuto un rendimento altalenante, è vero, ma la squadra è cresciuta molto e sono contentissimo anche se potevamo fare di più. L’allenatore è sempre responsabile, ora c’è la possibilità di costruire e non dobbiamo avere paura di vendere bene e acquistare bene. I giovani? Se sono forti ben vengano, li preferisco sotto certi punti di vista. Fiorentina? Sono stato molto chiaro l’anno scorso, c’erano delle cose da chiarire ma non sono stato io ad andare via: mi esonerarono».

Condividi
Articolo precedente
Montella: «Squadra che merita una classifica adeguata al valore»
Prossimo articolo
Viviano: «Non siamo una squadra da 40 punti, programmiamo l’anno prossimo»