Padalino, il Lugano fa la fine della Sampdoria?

Padalino
© foto www.imagephotoagency.it

Attualmente in forza al Lugano, Marco Padalino risponde a un’insolita domanda da parte di un giornalista: in ballo il paragone con la Sampdoria

Recentemente il suo nome era tornato in ballo, proprio in occasione di un’amichevole infrasettimanale contro il suo passato, però Marco Padalino non molla la Sampdoria. Il giocatore attualmente in forza al Lugano, dove si è festeggiata un’annata straordinaria. Sotto la guida di Paolo Tramezzani, il club ha centrato il terzo posto e la conseguente qualificazione alla fase a gironi dell’Europa League. Alla vigilia dell’ultima gara di campionato, Padalino ha parlato della stagione appena trascorsa al sito ufficiale del club: «Tramezzani è arrivato senza stravolgere quanto fatto prima e ha impostato il lavoro in base al suo credo e la circostanza ha pagato benissimo come dimostra la classifica. Ci è capitato di fare tre allenamenti doppi in una settimana. Abbiamo lavorato tanto, a testa bassa, questo è indubbio».

LUGANO COME LA SAMPDORIA? – A un certo punto, memore del passato, un giornalista ha persino azzardato un paragone tra il Lugano di oggi e la Sampdoria del 2010-11, a cui Padalino ha risposto così: «È una situazione un po’ diversa. A Genova abbiamo fatto una grande partita con il Werder Brema e siamo stati raggiunti all’ultimo minuto. È stata una vera botta e poi è arrivato tutto un trend negativo: non eravamo abbastanza attrezzati per giocare tre partite a settimana. Il Lugano dovrà fare una squadra competitiva anche nei ricambi, perché giocare a quei ritmi è veramente dura. Il campionato e la salvezza rimane il nostro primo obiettivo, non certo l’Europa League. Sinceramente da giocatore non posso dire cosa fare o non fare. Tocca alla società muoversi. Non sarà semplice».

Condividi
Articolo precedente
ManciniMancini in Russia, le felicitazioni della Sampdoria
Prossimo articolo
next generationSoldi ai procuratori: Sampdoria settima in graduatoria