Pioli: «Voglia e carattere non sono bastati con la Samp»

Inter pioli
© foto www.imagephotoagency.it

Inter, Pioli: «Voglia e carattere nono sono bastati, ma potevamo vincerla con un po’ più di cervello»

La Sampdoria espugna San Siro per la seconda volta in stagione e spegne definitivamente le speranze dell’Inter di raggiungere la zona Champions League. Dopo il vantaggio firmato da D’Ambrosio, è arrivato il pareggio di Schick e poi il gol del definitivo sorpasso grazie al rigore trasformato da Quagliarella. Impressionante, sia dal punto di vista fisico che qualitativo, il secondo tempo offerto dalla squadra di Marco Giampaolo. Il tecnico nerazzurro Stefano Pioli è intervenuto a Sky Sport nel post-partita: «Abbiamo sprecato un’occasione, purtroppo è successo che dopo il pareggio abbiamo smesso di giocare e ragionare da squadra. Abbiamo messo voglia e carattere, ma non bastano contro avversari che palleggiano bene e che trovano soluzioni. Stando compatti e stando dentro la partita potevamo vincerla. Credo che oggi si tratti di una partita preparata bene, ma in cui sono venuti a mancare equilibri e posizioni in campo perché dobbiamo essere più squadra nei momenti difficili della partita. E’ anche vero che abbiamo avuto due palle gol clamorose non sfruttate. Brozovic? L’avversario pressava bene, la coppia titolare che ho scelto è stata quella giusta per la partita. Il suo tocco di mano comunque è stata un’ingenuità grave. Avevamo tutte le caratteristiche per vincerla, abbiamo reagito di pancia e senza cervello al loro pareggio. La generosità non è mancata, ma la lucidità sì. Sampdoria marcia in più? Questione di distanze, se fossimo riusciti a tenerci più corti avremmo evitato questo risultato e l’abbiamo pagata a caro prezzo. Il nostro obiettivo? Arrivare in una posizione di classifica diversa da quella di stasera, il mio futuro non è certo come quello di tutti».

Condividi
Articolo precedente
quagliarella sampdoriaQuagliarella: «Siamo nella storia della Samp. Giampaolo il nostro top player»
Prossimo articolo
La Sampdoria batte l’Inter: Dodô e Alvarez, la vendetta degli ex