Primavera: domenica insidiosa trasferta a Spezia

© foto www.imagephotoagency.it

Domenica alle 13.00 al Centro Sportivo “Ferdeghini” la Sampdoria primavera scenderà in campo per l’incontro con lo Spezia, valido per la 24.a giornata del Campionato Primavera TIM “Giacinto Facchetti”. 


Lo Spezia arriva al match dopo un buon campionato, che lo vede occupare l’ottavo posto in classifica, due posizioni sotto la Samp. Malgrado tale piazzamento, gli aquilotti hanno evidenziato lacune difensive importanti, e i 49 gol subiti (2,13 a partita – quarta peggior difesa della competizione) hanno senza dubbio influenzato i risultati del team. Da segnalare infine le potenzialità offensive di Andrija Filipovic, punta centrale in prestito dal Rijekail bomber croato ha già collezionato nove reti e un assist in sedici presenze, e sarà importante arginarlo per fare risultato. 

 
Alla vigilia della partita i giovani blucerchiati continuano la propria rincorsa di un posto playoff, rincorsa che è entrata nella fase più difficile. Nonostante la Samp non perda dal 16 gennaio, con un ruolino di marcia che recita 21 punti in 9 partite, il Sassuolo è riuscito a mantenere quattro punti di vantaggio, tenendo i blucerchiati a distanza. È ancora presto per stilare bilanci, ma con soli 9 punti in palio l’impresa playoff sembra più dura che mai. 

Domenica la Samp sarà chiamata ad affrontare una sfida insidiosa, il cui pronostico è complicato ulteriormente dal fattore campo, favorevole agli aquilotti. La differenza di valori in campo è netta (14 punti di differenza) ma il calcio, lo sappiamo, non è solo matematica. All’andata i blucerchiati si imposero in casa per 4-3, in una sfida ricca di reti ed emozioni, chiusa da un rigore trasformato da Ponce. I padroni di casa faranno di tutto per interrompere il percorso blucerchiato, e ci si aspetta dunque una partita molto combattuta. 

Condividi
Articolo precedente
Bogliasco – Differenziato per Alvarez e Moisander, domani rifinitura e conferenza stampa
Prossimo articolo
Formello – Tante assenze per Inzaghi, salta la seduta tattica