Quagliarella, l’ex dal gol facile: i numeri

© foto www.imagephotoagency.it

Fabio Quagliarella dopo 9 anni è tornato a Genova per vestire la maglia blucerchiata, in questi 9 anni i cambi di maglia sono stati veramente tantissimi e il numero di gol del bomber di Castellammare di Stabia altrettanti. Il numero 27 blucerchiato vanta 93 gol nella massima serie, i primi realizzati con la maglia dell’Ascoli nella stagione 2005/06, segnati contro Treviso, Sampdoria e Roma.

PRIMI GOL DA EX – L’anno successivo Quagliarella è alla Sampdoria, in comproprietà con l’Udinese, dove esplode: 13 centri, uno più bello dell’altro, memorabile il gol da centrocampo contro il Chievo Verona o la sforbiciata con atterraggio in piedi contro la Reggina, e c’è il primo gol da ex, perché uno dei 13 gol è segnato contro la Fiorentina nella quale Quagliarella giocò in prestito nella stagione 2002/03. L’anno dopo Quagliarella passa all’Udinese alle buste, e continua la sua crescita: i gol sono 12 e quelli alle ex aumentano, diventando 4: due alla Fiorentina, due proprio alla Samp con la quale apre un conto che durerà per tante stagioni. Nel 2008/09 realizza altri 13 gol di cui due al Torino, dove è cresciuto.

NAPOLI, POI JUVENTUS – Nel 2010/11, dopo una stagione al Napoli con 11 gol senza gol ad ex squadre passa alla Juventus, dove realizza 9 reti, di cui una alla Samp e una all’Udinese. Nel 2011/12 i gol di Quagliarella sono appena 4 ma uno è contro il Napoli. Nel 2012/13 i gol del numero 27 sono 9 e proprio nell’ultima giornata di campionato, al Ferraris contro la Samp, realizza il suo quarto gol contro i blucerchiati, la Samp si consola ribaltando la partita e vincendola per 3-2 confermandosi la bestia nera della squadra di Antonio Conte, battuta sia all’andata che al ritorno grazie a Mauro Icardi. La stagione 2013/14 è ancora più da comprimario rispetto alle precedenti, le presenze sono appena 17 e i gol soltanto 1, realizzato contro il Chievo Verona. In estate torna al Torino, la squadra che l’ha scovato e cresciuto prima di fargli spiccare il volo in giro per l’Italia.

TORINO, E QUANTI GOL ALLA SAMP… – La stagione 2014/15 è la più proficua: Quagliarella realizza 13 gol, ma in 8 di questi non esulta perché sono realizzati a Fiorentina, Napoli e Juventus, più due gol all’Udinese e ben tre alla Samp nel 5-1 dell’Olimpico. I gol ai blucerchiati salgono a quota 7. In questa prima parte di stagione Quagliarella inizia bene, realizza 5 gol in granata, di cui 4  su ex squadre: uno alla Fiorentina, uno al Napoli e ben due alla Samp nel 2-0 dello scorso 20 settembre, i gol al Doria salgono a quota 9, un’enormità. Poi la sua vena realizzativa si ferma improvvisamente, torna al gol contro il Napoli nella prima gara dell’anno e come di consueto non esulta ma la tifoseria granata non la prende bene e lo contesta aspramente. Da lì smette di giocare e dopo cinque panchine consecutive e l’arrivo di Immobile, le porte in granata si chiudono ma si riaprono quelle della Samp, pronta a contare sulla sua esperienza per raggiungere la salvezza.

Quagliarella ha realizzato 93 gol in Serie A, ma in 25 di queste reti non ha esultato per rispetto delle ex tifoserie: sono esattamente il 27% del suo fatturato, quasi un segno del destino, quel numero che ha sempre portato sulle spalle. Domani sera il Doria ospiterà proprio il Torino per il turno infrasettimanale e chissà che Vincenzo Montella non punti proprio sul suo nuovo attaccante per avere la meglio sui granata e ritornare così a una vittoria che manca dal 5 gennaio, esattamente lo stesso turno in cui Quagliarella ha realizzato il suo ultimo gol in Serie A.

Condividi
Articolo precedente
Ferrero: «Soriano me lo tengo stretto. Rimpianto? Arnautovic»
Prossimo articolo
Sampdoria-Torino: le probabili formazioni