Quagliarella torna a Torino: l’ultima volta fu fischiato

Quagliarella Sampdoria
© foto Valentina Martini

Fabio Quagliarella ritorna a Torino: nell’ultima gara fu sommerso immotivatamente dai fischi

«Beh, complimenti!» questo l’unico commento di Fabio Quagliarella al termine di Torino-Sampdoria nell’aprile del 2017. Non se l’aspettava una reazione del genere nei suoi confronti. Un giocatore che ha sempre portato rispetto ad ogni sua vecchia tifoseria. Quagliarella è l’unico che non ha mai esultato per i gol realizzati alle squadre di cui aveva vestito i colori. Un esempio lampante è la Sampdoria: l’attaccante numero 27 – nei dieci anni trascorsi tra la prima esperienza in blucerchiato e la seconda – ha segnato molto ma non ha mai esultato, come nel 2015 quando dietro alle spalle di Viviano mise il pallone per ben tre volte. I tifosi blucerchiati non lo fischiarono, lui non esultò.  Con la maglia del Torino addosso disputò 109 gare, 32 reti, 7 assist, per un totale di 7.700 minuti di gioco, precedenti importanti e non si spiega pertanto il trattamento a lui riservato. Sono passati cinque mesi da quel 29 aprile e Quagliarella tornerà a calcare il terreno di gioco tra le mura granata: come sarà accolto? Difficile a dirsi. Sicuramente un campione come lui merita maggior considerazione e rispetto non solo per quello che ha fatto ma per come si è sempre comportato.

Condividi
Articolo precedente
moviola udinese-sampdoriaTorino-Sampdoria affidata a Tagliavento
Prossimo articolo
DjuricicIl disagio di Djuricic: compare un nuovo tweet