Sampdoria, i numeri 10 durano poco: chi è il prossimo?

maglia Sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

I numeri 10 della Sampdoria ultimamente durano poco o non lasciano il segno: Ilicic per invertire la tendenza?

Indossare la maglia numero 10 dovrebbe essere un privilegio riservato a pochi e prestigiosi giocatori, mentre alla Sampdoria, ultimamente, la casacca più “pregiata” di tutta la rosa sta lentamente perdendo valore e credibilità. Senza scomodare personaggi che sono rimasti nella storia blucerchiata con quel numero sulle spalle – vedi Mancini o Flachi -, nel recente passato i numeri 10 non hanno lasciato il segno, un po’ perché non ne hanno avuto il tempo e un po’ perché forse la qualità non era così elevata. Bruno Fernandes, fresco di trasferimento allo Sporting Lisbona, è stato praticamente di passaggio alla Sampdoria, e prima di lui Joaquin Correa, che è parso “più fumo che arrosto”: ora, al Siviglia, il talento argentino sta dimostrando le sue qualità, ma qua a Genova la responsabilità del diez si era fatta sentire troppo per esprimersi al meglio. Anche a Nenad Krsticic, che ha fatto della Sampdoria la sua seconda casa, non ha portato fortuna la maglia in questione: l’aveva ereditata eccezionalmente per la stagione 2013-2014 da Maxi Lopez (altro numero 10 che non ha lasciato il segno, se non il gol contro il Genoa), ma l’avventura si è conclusa nel peggiore dei modi, ovvero con l’infortunio nel Derby della Lanterna che gli ha cambiato la carriera. Non ci si può lamentare, invece, di Pasquale Foggia, che pur essendo rimasto in blucerchiato per una sola stagione, è stato tra i protagonisti della cavalcata verso la promozione in Serie A. Prima di lui, l’ultimo numero 10 che davvero ha lasciato qualcosa alla Sampdoria è stato Giampaolo Pazzini.

ILICIC COME GLI ALTRI NUMERI 10? – Al momento la casacca più ambita è di nuovo alla ricerca di qualcuno che la possa indossare senza farla sfigurare. Ma chi? Gli unici che, per qualità tecniche e posizione in campo, potrebbero aggiudicarsela sono Filip Djuricic e Denis Praet, anche se per il belga è molto difficile dato che mister Giampaolo non gli concederà di giocherà nuovamente sulla trequarti, come fatto nelle ultime gare del campionato appena conclusosi. Il nome più caldo, allora, è certamente quello di Josip Ilicic, trequartista sloveno che – una volta terminate alcune operazioni in uscita – la dirigenza blucerchiata preleverà dalla Fiorentina, club con cui è ormai ai saluti. Le qualità con la palla tra i piedi non gli mancano di sicuro, è abile sui calci da fermo e ha visione di gioco, ma chissà che la “maledizione” della numero 10 non streghi anche lui. Sarebbe bello che finalmente qualcuno la indossasse e la tenesse per anni, illuminando il reparto offensivo della Sampdoria con giocate di classe. Nel caso in cui neanche Ilicic si aggiudicasse questo privilegio, il 10 verrebbe tenuto al caldo per un acquisto di alto livello in quella zona di campo, che adesso – grazie al tesoretto che verrà accumulato con le varie cessioni dei pezzi pregiati – Massimo Ferrero sarà in grado di regalare ai propri tifosi.

Condividi
Articolo precedente
Torreira in dubbio, la Sampdoria si tutela: doppia ipotesi per il centrocampo
Prossimo articolo
Sampdoria CalciomercatoSampdoria, l’attacco è smantellato: mossa giusta o azzardata?