Sampdoria, centrocampo pieno: nessun posto per sei

Bruno Fernandes sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Centrocampo affollato in casa Sampdoria, tanti ritorni e un reparto saturo in ogni ordine di posto: la situazione degli esuberi blucerchiati

Per la prima volta dopo diversi anni la Sampdoria inizierà una stagione con alcune certezze: l’anno scorso fu un anno di ricostruzione dopo la fallimentare esperienza del duo Zenga-Montella, quello precedente ai blocchi di partenza era un Samp completamente diversa da quella che arrivò a centrare la qualificazione ai preliminari di Europa League, in questa stagione invece con Marco Giampaolo alla guida si sa già come la squadra scenderà in campo e quali saranno i principi di gioco su cui si lavorerà. I blucerchiati dovrebbero confermare il 4-3-1-2 visto nella scorsa stagione e il reparto nevralgico per il funzionamento dei meccanismi sarà come in qualsiasi modulo quello del centrocampo. Attualmente il reparto dovrebbe essere composto da sei elementi ben definiti per ruolo e gerarchia, con Lucas Torreira e Leonardo Capezzi in cabina di regia, BarretoVerre come mezze ali a destra e l’ormai consolidata coppia PraetLinetty come mezze ali mancine. In giro per l’Italia la Samp ha tantissimi centrocampisti in prestito ad altre squadre che dovrebbero verosimilmente fare ritorno verso Genova: da Latina torneranno De Vitis Rocca, da Brescia Martinelli, dalla Ternana Palumbo, da Bari Ivan e dall’Osijek Lulic.

CALCIOMERCATO SAMP, CENTROCAMPO SATURO: IL FUTURO DEGLI ESUBERI – Proviamo a delineare quello che potrebbe essere il futuro di questi giocatori che da anni girano in prestito e troveranno un reparto pieno in ogni ordine di posto: la situazione più semplice da decifrare è quella di David Ivan. Il centrocampista slovacco è già tornato a Genova e dovrebbe partire nuovamente in prestito, possibile per lui anche l’aggregamento nella rosa per il ritiro in attesa di sviluppi dal mercato. Per quanto riguarda invece Alessandro De Vitis e Alessandro Martinelli, l’ipotesi più quotata è quella della cessione: i giocatori sono entrambi in prestito da 4 stagioni e non sembra esserci spazio per loro in blucerchiato, il Brescia ha su Martinelli un diritto di riscatto, possibile che i lombardi puntino ancora su di lui dopo la buona stagione disputata, o che lo stesso giocatore diventi una possibile pedina per arrivare a Dimitri Bisoli. Difficile invece rivedere De Vitis a Latina, la società è fallita e ripartirà dalla Serie D, non dovrebbe essere uno dei perni su cui la società laziale ripartirà: il suo contratto scadrà il prossimo 30 giugno, difficile ipotizzare un rinnovo di contratto, ma nel calciomercato tutto può accadere. Situazione analoga anche per Karlo Lulic, reduce da una stagione sottotono all’Osijek dove ha marcato solamente 5 presenze: per lui probabile esperienza in Serie B per capire se potrà tornare utile alla causa in futuro. L’ipotesi più probabile per RoccaPalumbo è invece quella di un nuovo prestito, i due dovrebbero trascorrere nuovamente un’altra stagione formativa in attesa di definire il loro futuro.

Condividi
Articolo precedente
sampdoriaUn occhio al futuro: Dany Mota, il giovane attaccante nel mirino della Sampdoria – VIDEO
Prossimo articolo
Ferrero sampdoriaFerrero: «Schick vuole la Juventus». E svela un retroscena su Lapadula