La Sampdoria ringrazia gli abbonati: ecco il numero esatto

sampdoria tifosi gradinata sud derby
© foto www.imagephotoagency.it

La campagna abbonamenti, prorogata fino al 7 settembre, ha dato i suoi frutti: più di 16.500 tessere, ma comunque meno rispetto alla passata stagione

Quest’anno il “Ferraris” avrà 16.513 seggiolini prenotati, un numero reso noto dalla stessa Sampdoria e che è leggermente lievitato grazie alla proroga che aveva spostato il termine della campagna abbonamenti fino al 7 settembre. Sul sito ufficiale della società è apparso un messaggio di ringraziamento ai supporters doriani che hanno deciso di sottoscrivere la tessera: «16.513 grazie! Proprio così, sinceramente grazie ai 16.513 tifosi che hanno sottoscritto l’abbonamento stagionale 2017/18. Venire è un’altra storia e loro verranno, ci saranno, sempre e comunque a sostenere la Sampdoria, a scendere in campo con la passione e con la voce insieme alla squadra. 16.513 persone che hanno usufruito di condizioni economiche molto favorevoli, volute dal presidente Massimo Ferrero e da tutta la società per vivere l’esperienza unica dell’onda perfetta blucerchiata allo stadio “Ferraris”. L’invito a riempire Marassi vale ovviamente per tutti, compreso chi sceglierà di acquistare i biglietti gara dopo gara».

Un numero comunque lievemente più basso di quello registrato la passata stagione (16.780), forse anche a causa del calciomercato esploso troppo tardi. Il numero reale degli abbonamenti stampati, tuttavia, sale oltre i 17.000 se si contano quelli degli spettatori non paganti: altri 990, di cui 140 nei Distinti per persone diversamente abili, 97 per i loro accompagnatori, 153 per alcuni istituti genovesi che operano nel sociale e che la Sampdoria sostiene da anni, più 600 titoli di accesso per chi presta servizio durante i match casalinghi al “Ferraris” (steward, poliziotti, ecc).

Condividi
Articolo precedente
Giampaolo SampdoriaGiampaolo, una voce fuori dal coro: il VAR è il futuro
Prossimo articolo
paska schickPaska punzecchia Ferrero: «Ha mantenuto la parola, ma è lento»

1 COMMENTO