Sampdoria – Sampdoria Primavera 4-0: poker nell’ultimo test italiano

© foto www.imagephotoagency.it

La Sampdoria supera la Primavera blucerchiata con un netto 4-0 nell’ultimo test prima di partire per la Spagna dove, a opporsi, ci saranno Malaga e Barcellona. Il risultato, però, conta poco in circostanze come questa: resta una prestazione notevole da parte dell’attacco, sempre pungente, e una serie di errori in fase di impostazione e disimpegno sul fronte difensivo e mediano, l’unico avente un alibi per non essere ancora al completo. 

 

All'”Ottolenghi” di Acqui Terme la squadra di Marco Giampaolo soffre tanto e gioisce soltanto a partire dal 40′, quando Antonio Cassano sblocca le marcature con un tap-in vincente dopo la respinta di Kaprikas, in occasione di un tiro dalla distanza di Ante Budimir. L’attaccante classe ’91 si trasforma poi in assist-man, al 45′, per il raddoppio firmato da Karol Linetty

 

A inizio ripresa cambiano dieci interpreti del primo tempo, rimane in campo solamente Milan Skriniar e in panchina Patrik Schick. L’ottimo impatto di Luis Muriel si nota al 12′, replicando la realizzazione contro il Chievo: il colombiano è bravo ad anticipare l’uscita di Kaprikas e a depositare il pallone in porta con semplicità. A calare il poker finale è, infine al 43′, Fabio Quagliarella in seguito a un controllo orientato e a un tiro che non lascia scampo al dodicesimo Piccardo.

 

Sampdoria (4-3-1-2): Puggioni (46’ Tozzo); Pereira (46’ De Silvestri), Skriniar, Regini (46’ Silvestre), Sala (46’ Pavlovic); Linetty (46’ Ivan), Palombo (46’ Eramo), Barreto (46’ Torreira); Djuricic (46’ Alvarez); Budimir (46’ Muriel), Cassano (46’ Quagliarella). A disp.: Schick. All. Giampaolo

 

Sampdoria Primavera p.t. (4-3-3): Krapikas (Piccardo); Oliana (Romei), Bambo (Gilardi), Tissone (De Nicolò), Ferrazzo (Pastor); Tomic, Cioce (Ejjaki), Tessiore (Gabbani); Bozzi (Tommasini), Vrioni (Cuomo), Gomes Ricciulli (Balde). All. Pedone

Condividi
Articolo precedente
De Vitis volta pagina: «Grazie Spal, adesso sono motivato per il Latina»
Prossimo articolo
Iachini prende tempo per Barreto: «Prima valutiamo l’organico»