Samp U17, Cappelletti: «Bellucci? Esempio per noi attaccanti»

bellucci cappelletti
© foto www.imagephotoagency.it

Giovanni Cappelletti, attaccante della Sampdoria U17: «Mister Bellucci ottimo esempio, ci dà sempre grinta. Obiettivi? Risollevarci e arrivare in finale»

Se il settore giovanile è stato sempre una componente importante per la Sampdoria, adesso, con la gestione Ferrero, lo è ancora di più. La “nuova” dirigenza guarda ai giovani, ma soprattutto ai prodotti del proprio vivaio, per costruire le basi del futuro. Tra i talenti in erba troviamo il classe ‘2000 Giovanni Cappelletti, attaccante dell’U17: «Ho iniziato a giocare a calcio quando ero molto piccolo – racconta a SampTV – nella scuola calcio “Baiardo”, e due anni fa è arrivata la chiamata della Sampdoria: non ho esitato un momento ad accettare, ero molto contento. La passione per il calcio me l’hanno trasmessa i miei genitori – prosegue – e per questo devo ringraziarli. Mia madre ogni volta mi accompagnava al campo, e mio padre è stato sempre presente, insieme alle mie sorelle, sugli spalti». Sul suo ruolo in campo, Cappelletti svela: «Non sono una punta vera e propria, mi piace più fare la seconda punta e venire a prendere il pallone. Mi trovo bene a fare l’attaccante, anche se non sono partito in questo ruolo: al “Baiardo”, infatti, giocavo a centrocampo».

ALLENATORI – Prima mister Alessi nell’U16, adesso Claudio Bellucci nell’U17. Bravi entrambi, ma il secondo può dargli molto di più in termini di esperienza nel ruolo: «Mister Alessi mi ha insegnato molto, ed è con lui che ho iniziato a giocare in questo ruolo. Anche con mister Bellucci mi sto trovando bene, è uno che trasmette molta grinta prima delle partite e vuole sempre il massimo, anche in allenamento. Alcune volte ci fa vedere movimenti e “trucchi del mestiere” – spiega – e noi cerchiamo sempre di prendere spunto da lui perché è un ottimo esempio per noi attaccanti». Un’ultima battuta sull’attuale momento di forma: «A livello personale è un momento abbastanza buono, e anche per la squadra. Non siamo partiti tanto bene, ma ci stiamo tirando su e adesso ci aspetta un girone di ritorno in cui daremo il meglio per riuscire a vincere le partite. Obiettivi? Cercare di dare il meglio per la squadra e aiutare i miei compagni. Speriamo di riuscirci a rialzare – conclude Cappelletti – e arrivare almeno alle finali».

Condividi
Articolo precedente
perottiTrigoria, migliora Perotti: domani parla Spalletti
Prossimo articolo
gubertiGuberti: «Giovedì il mio cuore tifa Samp»