Sampdoriani agli Europei: i precedenti

© foto www.imagephotoagency.it

Milan Skriniar sarà il portabandiera blucerchiato al prossimo Euro 2016 che si svolgerà in Francia dal 10 giugno. Il giocatore slovacco, arrivato a gennaio, è l’unico calciatore della rosa di Vincenzo Montella, dopo i tagli di Roberto Soriano e Lorenzo De Silvestri da parte del ct italiano Antonio Conte, che parteciperà ufficialmente. Ma in passato com’era la situazione?

Nel precedente europeo, in Polonia-Ucraina, nessun blucerchiato era stato convocato: la Samp era infatti in serie B, impegnata nella lotta playoff che la avrebbe riportata nella massima serie. In quella rosa c’erano però il futuro campione del mondo Mustafi, e l’attuale coppia d’attacco della Nazionale italiana, Pellè-Eder.

Ad Euro 2008, in Austria e Svizzera, l’ultimo convocato nella nazionale italiana: Antonio Cassano. Fantantonio, dopo l’ottima stagione con la Samp, fu portato dal ct Roberto Donadoni che puntò molto su di lui, prima dalla panchina, poi titolare anche nei quarti contro la Spagna, dove l’Italia uscì ai rigori.

Agli Europei di Portogallo 2004(Samp neopromossa in serie A) e Belgio-Olanda 2000(Samp in serie B) nessun blucerchiato solcò i palcoscenici europei.

Al precedente di Inghilterra 1996, furono invece ben tre i blucerchiati impegnati: Enrico Chiesa con l’Italia, Christian Karembeu con la Francia e Clarence Seedorf con l’Olanda. Segno di una grande rosa di una grande Sampdoria passata.

A Svezia 1992 invece era l’Italia assente dalla manifestazione: non qualificata. Peccato perchè di Nazionali blucerchiati ce n’erano parecchi.

A Germania 1988, di nuovo tre i blucerchiati presenti, tutti con la Nazionale italiana: con i gemelli del gol Gianluca Vialli e Roberto Mancini, anche Luca Fusi.

Nelle edizioni precedenti, nessun blucerchiato presente, anche perché si trattava per lo più di competezioni in cui partecipavano soltanto quattro squadre, e spesso l’Italia non era nemmeno qualificata, tranne che nella vittoriosa edizione del 1968.

Condividi
Articolo precedente
Cassano, in dubbio la permanenza alla Sampdoria
Prossimo articolo
Lanna: «Bisogna credere in Montella, ma servono giocatori che hanno fame»