Sassuolo-Sampdoria: le probabili formazioni

© foto www.imagephotoagency.it

Vigilia del match infrasettimanale per la Sampdoria, che domani sarà ospite al Mapei Stadium di Reggio Emilia per affrontare il Sassuolo e possibilmente chiudere il discorso salvezza, conquistando 3 punti di vitale importanza. Dopo la buona partita contro il Milan finita con una sconfitta più che immeritata, la truppa blucerchiata vuole mantenere il buon trend esterno delle ultime giornate che ha visto la Samp non perdere per 3 partite consecutive, con una vittoria e due pareggi ottenute contro Hellas Verona, Empoli e Fiorentina.

Andiamo a vedere quali potrebbero essere le scelte dei due mister, a partire dai padroni di casa del Sassuolo: Eusebio Di Francesco dovrebbe confermare il suo collaudatissimo 4-3-3 con Consigli in porta, reduce da una clamorosa papera contro la Fiorentina, Vrsaljko, Acerbi, Cannavaro e Peluso in difesa, Magnanelli, Biondini e Duncan a centrocampo e in avanti, se Sansone non dovesse recuperare, spazio a Berardi, Defrel e Politano nel tridente offensivo.

Qualche dubbio per Vincenzo Montella che recupera in difesa Andrea Ranocchia e che contro il Milan ha ritrovato un più che autorevole Silvestre: nel 3-4-2-1 dovrebbero partire entrambi davanti a Viviano con Diakite a completare il trio davanti a Viviano. A centrocampo conferma per De Silvestri e Dodô sugli esterni con Fernando e Krsticic al centro mentre in avanti ci sarà sicuramente qualche cambio: dovrebbe partire titolare Joaquin Correa al fianco di Roberto Soriano, con Fabio Quagliarella unica punta, anche se Luis Muriel è più che una tentazione per il tecnico di Pomigliano D’Arco. 

Sassuolo (4-3-3): Consigli; Vrsaljko, Cannavaro, Acerbi, Peluso; Magnanelli, Biondini, Duncan; Berardi, Defrel, Politano.

Sampdoria (3-4-2-1): Viviano; Diakite, Ranocchia, Silvestre; De Silvestri, Fernando, Krsticic, Dodô; Soriano, Correa; Quagliarella.

Condividi
Articolo precedente
Sponsor: Ssangyong passa da Tivoli a XLV
Prossimo articolo
Montella: «Gara delicata: Cassano non ci sarà, Krsticic sì»