Azzardi per l’estate, scommessa francese per la Samp

sampdoria gradinata
© foto Valentina Martini

La Samp ha sofferto sulle fasce di difesa: se a destra ci sono già due protagonisti, a sinistra si potrebbe puntare su una scommessa alle spalle di Regini

Stagione di record, soddisfazioni e bel gioco. Il recente rinnovo di Marco Giampaolo – che ha allungato il proprio contratto fino al giugno 2020 – dà alla Samp la possibilità di programmare il futuro, a partire dal mercato estivo. Sembra chiaro che ci saranno alcune partenze, così come sembra evidente che si continuerà a lavorare per far crescere chi rimarrà (piccolo suggerimento: Skriniar e Praet gli uomini chiamati all’exploit totale nel 2017-18). Tuttavia, bisognerà risolvere anche le mancanze di questa stagione: un vice-Quagliarella utilizzabile, un’alternativa a Torreira (che rimanga o meno), ma soprattutto due terzini che possano dire la propria.

SCOMMESSA FRANCESE – Se a destra ci sono già Bereszynski e Sala a giocarsi un posto (con l’italiano che andrebbe forse riadattato da mezzala, per sfruttarne la potenza e nasconderne le debolezze difensive), dietro Vasco Regini c’è il vuoto. Il capitano ha giocato una buona stagione, ma non è certo il terzino fluidificante che servirebbe. Non lo è mai stato, tanto che il suo ruolo ideale sembra essere quello di centrale difensivo in uno schieramento a tre. E così sarebbe saggio investire su un giocatore magari a parametro zero, ma con una discreta esperienza, che possa voler ricominciare dalla Genova blucerchiata: il nome che corrisponde a questo identikit è quello di Benoît Trémoulinas.

INCONVENIENTE – C’è un “ma”, un “ma” grosso come una casa. In fondo, la domanda sorge spontanea: perché un classe ’85 del Siviglia dovrebbe trasferirsi a Genova, passando dalla possibilità semi-certa di giocare in Champions League alla metà classifica in Serie A? La verità è che il francese non ha giocato un minuto in questa stagione. L’ultima gara giocata risale al 5 maggio 2016, quando nel ritorno della semifinale di Europa League sul campo dello Shakhtar Donetsk, il francese soffrì la rottura del menisco: un guaio che non gli ha ancora consentito di tornare sul terreno di gioco. Ciò nonostante, prima di quell’infortunio, Trémoulinas aveva disputato 37 match con il Siviglia nel 2015-16.

PUNTARCI – E allora perché puntare su di lui? Primo motivo: è in scadenza di contratto. Trémoulinas ha giocato con Bordeaux, Dinamo Kiev e Saint-Etienne (qui in prestito per un anno). È arrivato a Siviglia nell’estate 2014, voluto da Unai Emery, ma da allora molte cose sono cambiate: Emery è andato via, Sampaoli ha schierato con soddisfazione Escudero, a cui è stato anche allungato il contratto. Difficile scalzarlo dal posto da titolare. Il secondo motivo: nonostante questo grave infortunio, il terzino sembra finalmente esserne fuori, tanto da aver ricominciato persino a calciare la palla. Ma soprattutto il terzo: a 32 anni, Trémoulinas è un giocatore dalla notevole esperienza, che ha vinto due Europa League e ha persino collezionato cinque presenze con la nazionale francese.

In una squadra così giovane, l’esperienza di Trémoulinas potrebbe esser molto utile. Con un ingaggio da 700mila euro al Siviglia, dopo un infortunio del genere, la Samp potrebbe ottenere anche una riduzione della richiesta da parte del francese.

Condividi
Articolo precedente
crotoneSimy carica il Crotone: «Possiamo vincere altre partite»
Prossimo articolo
cessioni sampdoriaMuriel salva la Sampdoria: una cessione per blindare Skriniar, Torreira e Schick