Serie B: Bonazzoli fa vincere il Lanciano, male Trapani e Livorno

© foto www.imagephotoagency.it

Weekend impegnativo anche per i blucerchiati in prestito in Serie B: una sola vittoria quella del Lanciano contro il Modena, tre pareggi e due sconfitte. Vediamo nel dettaglio come sono andati i match.

Iniziamo dalla sconfitta del Livorno che viene sconfitto dai liguri dello Spezia per 3-0, il risultato matura già nel primo tempo con la doppietta di Calaiò mentre la terza rete arriverà dai piedi di Situm con un tiro a giro dai venti metri. Il Livorno di Fedato, ancora out assieme a Ceccherini e Emerson, prova a reagire ma è poco preciso due pali e una traversa sfiorata sono gli unici brividi amaranto nella ripresa.

Anche il Trapani viene frullato da una squadra ligure, l’Entella che tra le mura di casa mette a segno un poker che vale i tre punti. Per i ragazzi di Cosmi c’è poco da fare, fin dai primi minuti è l’Entella a fare la gara: prima Di Carmine e poi Jadid ci provano ma Fulignati para senza problemi. La squadra di Eramo al minuto 13′ perde il portiere, rosso diretto, per un tocco di palla con la mano fuori dall’area di rigore.  Il primo tempo si chiude sul risultato di 1-0 per i padroni di casa grazie alla rete di Jadid su punizione. Nel secondo tempo sono di nuovo i liguri a farsi subito pericolosi, al nono minuto Pagliarulo atterra Di Carmine, il migliore dei suoi, e l’arbitro concede il penalty. Troiano realizza senza problemi dal dischetto. Se tutto questo non bastasse ci si mette anche Perticone a prendere di mano la palla e abbandonare i suoi in 9 uomini: ennesimo penalty a favore dell’Entella, realizzato da Di Carmine. Eramo, uno tra i migliori dei suoi ammonizione a parte, ci prova con un sinistro dal limite per accorciare le distanze ma Paroni para senza problemi. Chiude i conti Costa Ferreira con il quarto gol a cinque minuti dalla fine.

Passiamo ai tre pareggi della giornata, tutti per 1-1: l’Avellino viene fermato in casa dal Bari di Sansone, rimasto in panchina per questo match. Il Como viene fermato dal Novara di Tozzo, chiuso sempre da Da Costa. Il Pescara di Torreira, in casa, ferma il Vicenza: il blucerchiato parte nell’undici titolare per coprire il buco lasciato da Verre, squalificato, e gioca tutti e 90 i minuti. Al ventesimo minuto è proprio Torreira a provare il tiro da fuori area, la realizzazione è fiacca e Benussi para facilmente. Alla fine del primo tempo nessun gol all’Adriatico, giocano meglio gli ospiti arrivati più volte a sfiorare la rete ma Benussi fa buona guardia. Squadre invariate alla ripresa. Torreira dopo sette minuti viene ammonito per una entrata in netto ritardo su Sbrissa. Il Vicenza si porta avanti di un gol e il Pescara inizia ad attaccare forte per ottenere il pareggio, Sampirisi trattiene Lapadula e l’arbitro concede il penalty che Memyshaj fallirà dal dischetto. Sembra destinata alla sconfitta la squadra di casa ma nel recupero Lapadula trova la rete del pareggio in acrobazia.

Arriviamo all’unica vittoria della giornata, quella del Lanciano ai danni del Modena: Rocca parte titolare dal primo minuto mentre Bonazzoli si accomoda in panchina. All’inizio sembra il Modena fare la partita con alcuni tiri in porta che Cragno respinge con autentiche prodezze, nulla può però contro l’autorete che di Vastola colpito al volto dal pallone che finisce deviato in rete. Il Lanciano si chiude fino al fischio dell’intervallo impedendo ai canarini di raddoppiare. Nella ripresa è subito il Lanciano a partire forte e Di Francesco a distanza ravvicinata non sbaglia il gol del pareggio. Esce Rocca, buona partita di sostanza, entra Giandonato. L’ex blucerchiato Marilungo ci prova per ben tre volte in cinque minuti ma non trova lo specchio della porta. Esce Ferrari ed entra Bonazzoli, subito propositivo, che piazza un bel pallone per i piedi di Di Francesco che sbaglia. È di nuovo Marilungo a confezionare un pallone perfetto per i piedi di Bonazzoli che calcia a rete e segna il gol del vantaggio e della vittoria.

Stasera il Brescia, ancora orfano di Martinelli per squalifica, affronterà l’Ascoli.

Condividi
Articolo precedente
Cercansi rabbia e grinta
Prossimo articolo
Settore giovanile: i risultati del weekend