Skriniar: «Ottima stagione alla Samp, sono soddisfatto. A Malta per vincere»

Skriniar sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Milan Skriniar racconta la sua evoluzione dal ritiro con la Slovacchia, una crescita che l’ha portato a vincere il premio di miglior talento Under 21 e a diventare un punto di riferimento nella Sampdoria

Il 2016 di Milan Skriniar è stato parecchio proficuo: prima l’approdo alla Sampdoria, poi la partecipazione all’Europeo in Francia con la sua Slovacchia, poi il campionato di Serie A di questa stagione dove dopo qualche incertezza il talento è venuto fuori, consegnando a Marco Giampaolo e ai tifosi un centrale difensivo di grande affidamento e prospettiva. Ora il giocatore è in ritiro con la Nazionale, ma da lì, intervenuto sul sito ufficiale della Federazione slovacca, ha parlato della sua crescita nell’ultimo anno, che lo ha portato a ricevere il premio di miglior giocatore Under 21 del suo Paese: «Quando vedi il tuo nome in quella lista fa piacere, vincere però ti dà quella soddisfazione e motivazione in più. Ringrazio tutti per avermi votato. L’ultima gara contro la Juventus? Venivamo da 7 risultati utili consecutivi, abbiamo giocato contro di loro a viso aperto, potevamo anche pareggiare con Quagliarella ma purtroppo non ci siamo riusciti. All’andata avevamo perso 4-1, la nostra prestazione del secondo tempo resta comunque ottima». 

SKRINIAR: «CON MALTA NON SARÀ FACILE» – Questa sera la Slovacchia sarà impegnata nella gara di Qualificazione Mondiale contro Malta, una gara da non fallire: «Malta non è una squadra facile da affrontare, sono aggressivi, tenaci, non mollano mai. Però siamo qualitativamente superiori, dovremmo andare là concentrati e fare la nostra partita. C’è in palio la qualificazione, vogliamo vincere, ne abbiamo bisogno. Il mio ruolo in Nazionale? Ho fiducia totale nel mister, non ho problemi a giocare a metà campo, ma se dovessi scegliere preferirei fare il centrale di difesa come nella Sampdoria, dove gioco regolarmente. La mia esperienza alla Samp? All’inizio non è stato facile, nella seconda parte dell’anno ho iniziato a giocare e ora siamo in ottima forma, sono molto soddisfatto». 

Condividi
Articolo precedente
Ibou Keita balde sampdoriaBaldé: esordio tra i “grandi” e quella traversa che trema ancora
Prossimo articolo
sampdoria u17Sampdoria U17, con il Novara sorpasso e vittoria negli ultimi minuti