Taarabt: «Dopo che hai giocato nel Milan, tornare in Italia fa schifo»

© foto www.imagephotoagency.it

Quando la Sampdoria era ancora in cerca del suo numero 10, ad inizio agosto, vi avevamo raccontato di come alcuni club di Serie A – tra cui quello blucerchiato – stessero cercando di aggiudicarsi il cartellino di Adel Taarabt, in cerca di una nuova squadra dopo essere stato “declassato” al Benfica B. L’interesse non si era poi tramutato in trattativa e il suo nome, come tanti altri nel corso del calciomercato, è stato accantonato. 

Proprio il fantasista marocchino ha fatto sapere di aver ricevuto offerte dal nostro campionato, a quanto pare rifiutate per disprezzo, dopo i sei mesi trascorsi al Milan: «Seedorf mi considerava come un figlio – ricorda ai taccuini di France Football -. Ci sentiamo ancora oggi e mi ha chiesto di andare a giocare in Cina. Ho offerte in Italia, ma quando hai giocato nel Milan dover tornare per un club meno prestigioso fa schifo a livello mentale. Io sono un numero 10, conosco la Serie A e lì andrei a difendere, non a brillare. In Italia – conclude – se non giochi in una delle prime cinque squadre, soffri».

Condividi
Articolo precedente
Regalia: «Cassano? Lo vorrei a Bari, ma farebbe comodo a tutti»
Prossimo articolo
ferrero sampdoria crotoneFerrero: “Non prendo lo stipendio dalla Samp. Cassano? Qui ha fatto la sua storia”