Corrado Tedeschi: «Scommessa Samp, ha giovani straordinari»

Skriniar sampdoria
© foto www.imagephotoagency.it

Corrado Tedeschi sulla sua Sampdoria: «Ha giovani straordinari e un tecnico preparatissimo, la Fiorentina affronterà una squadra organizzata»

Corrado Tedeschi, attore e presentatore televisivo nonchè storico tifoso blucerchiato, ha parlato dell’attuale situazione della sua Sampdoria e di cosa la Fiorentina si dovrà aspettare per la prossima sfida di campionato: «La Sampdoria è una squadra che in questo momento sta alternando vari momenti. Adesso è fresca di una vittoria contro l’Inter, ma a Torino contro la Juventus è stata schiacciata. Per il resto comunque è una formazione che ha un gioco ben definito e tutto suo, del resto Giampaolo è un tecnico preparatissimo, da definire “zemaniano”, nel senso che ha le sue idee e non le cambia. A volte ha fatto delle scelte abbastanza incomprensibili, però il gioco della squadra è buono e sa fare bene se segue a dovere i suoi dettami. Ci sono dei giovani straordinari, e questa è la grande scommessa della Samp che se va in porto potrebbe essere una vera vittoria della società. Quindi, in sintesi, sono convinto che domenica la Fiorentina dovrà vedersela contro un’ottima e organizzatissima squadra».

MEGLIO IN TRASFERTA – E’ un dato di fatto che la formazione guidata da Sousa in questa stagione stia rendendo meglio in trasferta che tra le mura del “Franchi”: «Penso che questo per adesso sia soltanto un caso. Forse la Fiorentina sente un po’ più di stress quando gioca in casa, e quindi in quel momento non gioca molto bene. La Sampdoria invece, nonostante a volte siano mancati i risultati, gioca bene sia in casa che in trasferta adottando sempre come si deve la filosofia di gioco di Giampaolo. Penso che domenica o i viola o i blucerchiati vinceranno – conclude ai microfoni di fiorentinanews.com – non sarà un pari, e in questo senso mi auguro che sia la mia squadra ad avere la meglio (ride, ndr)».

Condividi
Articolo precedente
Cassano SampdoriaGozzi su Cassano: «Lo volevamo, la porta resta aperta»
Prossimo articolo
torreiraTorreira: «Mi sto ambientando in A, sono soddisfatto»