Tifoseria organizzata: martedì sera l’incontro a Sampierdarena

© foto www.imagephotoagency.it

In un momento così difficile c’è poco da discutere. Bisogna fare quadrato attorno alla squadra, alla Sampdoria, mettere da parte le polemiche e i motivi di scontro per uscire tutti insieme da queesta bruttissima situazione. Solo superata questa fase verrà poi il momento anche di accendere i toni, eventualmente, verso chi ha fatto sì che una stagione di gloria europea si sia trasformata nell’ennesimo incubo.

I gruppi della tifoseria organizzata della Sampdoria lo sanno bene e per questo è stata indetta una riunione per martedì 23, nella quale i sampdoriani potranno confrontarsi e concordare il piano d’azione per aiutare al meglio la squadra a uscire da questo momento. Di seguito il comunicato:

Tifosi sampdoriani, siamo giunti al momento decisivo della nostra stagione. La situazione è delicata richiede un ulteriore momento di confronto fra di noi. Se sugli errori del passato vogliamo costruire i successi del futuro, dobbiamo tenere bene a mente quello che è accaduto quando la nostra gente, per vari motivi dei quali come sempre ci assumiamo piena responsabilità, si è disunita. Non ci sono tabù per noi nel citare il 1999 e il 2011 come moniti eterni. Proprio per questo, e per onorare un percorso condiviso iniziato quest’estate, chiediamo a tutte quelle persone che sentono di tenere alla Sampdoria tanto quanto ci teniamo noi, di incontrarci MARTEDI’ 23 FEBBARIO alle ore 21.00, presso il CENTRO CIVICO BURANELLO. All’ordine del giorno ci sarà la condivisione di quell’iniziative volte ad accompagnare la Sampdoria fino alla salvezza, iniziative dove ci sarà bisogno dell’aiuto di tutti o almeno di tutti quelli che vogliono concretamente essere della battaglia, e che vogliamo siano con noi già da martedì. Il momento è ora, schieriamoci a difesa della nostra Sampdoria! Club Fedelissimi Sampdoriani 1961 – Ultras Tito Club Fedelissimi Sampdoriani 1961

Condividi
Articolo precedente
Brignoli supera Puggioni e torna secondo portiere
Prossimo articolo
Inter, Mancini in conferenza: «Eder importante, non sarà condizionato»