Tra infortuni e turnover: le scelte di Di Francesco

© foto www.imagephotoagency.it

Sampdoria che dovrà fare i conti con varie assenze, in vista della gara di domani contro il Sassuolo. Cassano, Ivan, Palombo, Sala e Carbonero le cinque pedine mancanti sulla scacchiera di Montella. Cinque come quelle a cui dovrà rinunciare Eusebio Di Francesco, d’altronde: Missiroli, Laribi, Gazzola, Antei e Terranova.

Tra i neroverdi, però, il vuoto sarà colmato da altrettanti innesti provenienti dalla Primavera. Broh, Adjapong, Corbelli, Ferrini e Pierini compaiono nella lista dei convocati per domani e dovranno farsi trovare pronti in caso di emergenza. Sime Vrsaljko è rientrato a disposizione dopo il piccolo infortunio rimediato domenica contro la Fiorentina, ma probabilmente Di Francesco non vorrà rischiarlo.

E così potrebbe trovare spazio proprio il gioiellino della Primavera Claude Adjapong, che in questa stagione può già vantare due presenze in prima squadra. Contro la Sampdoria, però, potrebbe compiere il passo successivo: essere arruolato tra gli undici iniziali, al posto di Vrsaliko. «Mettiamo dentro ragazzi interessanti, che hanno la possibilità di crescere. Fare giocare Adjapong ad esempio ci permette anche di fare delle valutazioni. Vedremo come va l’ultimo allenamento di oggi», aveva detto lo stesso tecnico degli emiliani durante l’odierna conferenza stampa. Il classe ’98 italiano di origine ghanese ha disputato un solo minuto contro la Juventus a marzo, ma si è preso gli ultimi 17 della scorsa partita contro la Fiorentina.

Resta ancora il dubbio Consigli, lamentatosi di una botta al ginocchio, anche se Di Francesco gli chiederà certamente di stringere i denti per domani. In ogni caso, Pegolo scalda i guantoni. L’unica buona notizia (e certa) per il Sassuolo è quella riguardante Nicola Sansone: l’attaccante è del tutto recuperato e quasi sicuramente verrà impiegato già domani per tentare di bucare la retroguardia della Sampdoria.

Condividi
Articolo precedente
Lega Pro: Savona e Cuneo speranzosi
Prossimo articolo
Olinga: «La Sampdoria mi ha trattato come una merda»